Asciugare la biancheria (elettrodomestici)

0 1

La stagione invernale è ormai arrivata e come ogni anno si ripresenta lo stesso problema: come e dove asciugare il bucato? La soluzione più semplice sembrerebbe quella di comprare un’asciugatrice tuttavia la spesa che comporta tale acquisto non è indifferente per la maggior parte delle famiglie italiane e spesso risulta difficile trovare nelle nostre piccole case una collocazione all’ingombrante macchina. Ma c’è un ulteriore fattore che non deve essere trascurato ed è quello del consumo energetico. Nonostante in commercio esistano asciugatrici di classe A o addirittura di classe A+, il peso che questo tipo di elettrodomestici ha sulla bolletta dell’elettricità non è mai trascurabile, e in tempi in cui il consumo di energia rappresenta anche un grave problema ambientale, non solo economico, è sempre utile riuscire a trovare delle soluzioni alternative.
Viviamo in un Paese che gode per la maggior parte dell’anno di uno splendido sole, e poichè spesso le soluzioni più semplici sono anche le migliori, perchè non tornare a stendere il bucato sulle nostre terrazze o sui nostri balconi? Praticamente a costo zero possiamo asciugare in maniera del tutto naturale la nostra biancheria. Inutile sottolineare che questa soluzione non va bene per tutti e per tutti i periodi dell’anno. Molti di noi posseggono case sprovviste di spazi esterni oppure, se provviste, vivono nei centri di grandi città dove spesso le ordinanze comunali vietano di stendere il bucato all’esterno delle abitazioni. E sarebbe anche poco igienico visto che si rientrebbero in casa panni maleodoranti e pregni di smog. Inoltre la stagione invernale, umida e piovosa, non offre spesso questa possibilità.
E allora è il caso di imparare a sfruttare al meglio tutte quelle parti della nostra casa che spesso rimangono vuote o addirittura inutilizzate. Se si dispone di un pozzo-luce, di un atrio coperto, di un locale antistante al terrazzo, si possono attrezzare questi spazi con degli stendibiancheria removili. In commercio ne esistono di moltissimi tipi, di alluminio ultraleggero, di plastica, agganciabili alle ringhiere o alle pareti. Con questo metodo non spendiamo un solo euro di energia e abbiamo il vantaggio di asciugare i nostri panni senza che assorbano odori sgradevoli, l’unica raccomandazione è quella di lasciare una finestra leggermente socchiusa in modo tale che l’umidità esalata dal bucato non si depositi sui vetri o si muri ma si asciughi rapidamente.

Se non abbiamo nemmeno vani inutilizzati da impiegare in questo modo possiamo sfruttare il calore del nostro riscaldamento domestico. Anche in questo caso ci vengono in aiuto gli stendibiancheria; possiamo facilmente acquistare in qualunque ferramenta o nei negozi specializzati stendibiancheria agganciabili ai termosifoni che in pochissimo spazio consentono di stendere grosse quantità di biancheria. E anche così non graviamo per nulla sulla bolletta di casa ma dobbiamo comunque ricordarci di lasciare uo spiffero d’aria per evitare accumuli di umidità.
Infine, se nessuna di queste soluzioni ci sembra adatta alle nostre esigenze possiamo acquistare una moderna asciugatrcice a gas metano. Nonostante rappresenti una spesa considerevole, le moderne asciugabiancheria a metano consentono di risparmiare moltissima energia, riducono fino alla metà i normali tempi di asciugatura e sono ad impatto zero. Niente di meglio per il nostro ambiente.

Piaciuto l'articolo? Fallo conoscere a tutti:

  • Facebook
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Print
  • Twitter
  • Yahoo! Buzz
  • Digg
  • StumbleUpon

Potrebbe piacerti anche Altri autori

E tu che ne pensi?

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Giudizio Generale:
This site uses cookies. Find out more about this site’s cookies.