Atacama

0 2

Atacama è il deserto più arido del pianeta. Nel Nord del Cile, questo luogo richiede al corpo di essere abituato a sopportare le altitudini; allo spirito la capacità di lasciarsi sedurre. Totem del deserto ricco di minerali e il cono di Lincancabur, uno dei vulcani spenti più elevati della cordigliera delle Ande coi suoi quasi 6.000 metri. Oltre all’immensa distesa punteggiata di oasi, vulcani e sorgenti, si apre un territorio aspro, esplorabile in fuoristrada, a cavallo, in montain bike e facendo trekking. La “casa base” del viaggio è San Pedro de Atacama, un’oasi situata a 2.443 metri, coperta da campi di erba medica; un piccolo centro pre-colombiano con 3.000 abitanti percorribile da parte a parte in dieci minuti, stretto proprio come il Cile. Da San Pedro sono numerose le escursioni naturalistiche: alla depressione rocciosa della Valle della Morte, o alla Valle della Luna, dove nel plenilunio rispendono i cristalli di sale e gesso che giacciono sul fondo. A El Tatio, il campo di geyser più alto del mondo, dove sgorgano dal suolo colonne liquide alte fino a 20 metri; oppure alla Quebrada de Jeria, fra un canyon angusto e greggi di lama. Per riprendere fiato: la Laguna Chaxa, la più vasta piana cilena del sale che offre asilo a colonie di fenicotteri, e le Terme de Puritama dove immergersi nelle sorgenti calde fra rocce ammantate di muschio. Dove dormire: l’Hotel de Larache a San Pedro de Atacama è stato costruito con materiali eco-compatibili. Offre pacchetti da tre a sette notti in pensione completa, con trasferimenti dall’aeroporto di Calama ed escursioni.

Piaciuto l'articolo? Fallo conoscere a tutti:

  • Facebook
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Print
  • Twitter
  • Yahoo! Buzz
  • Digg
  • StumbleUpon

Potrebbe piacerti anche Altri autori

E tu che ne pensi?

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Giudizio Generale:
This site uses cookies. Find out more about this site’s cookies.