Battlefield 3 (videogioco sparatutto)

0 2

Il Team di sviluppo DICE presenta la sua ultima fatica nel campo degli sparatutto in prima persona con Battlefield 3, nuovo capitolo dell’acclamata serie videoludica che ha rivoluzionato gli standard dei FPS grazie soprattutto all‘ottimo sviluppo della modalità Multiplayer Online.

Disponibile per PC, XBox 360 e Playstation 3, il nuovo titolo presenta tre principali modalità di gioco: Giocatore singolo, Cooperativa Online per due giocatori e l’immancabile Multiplayer.

A differenza del precedente Battlefield Bad Company 2, dove non era stata prestata particolare attenzione all’esperienza della campagna giocatore singolo, in questo capitolo gli sviluppatori hanno curato maggiormente sia la storia che il comparto tecnico, andando a ricreare nelle 12 missioni, una quasi verosimile esperienza di guerra moderna attraverso i più svariati scenari, dagli Stati Uniti, all’ Europa, al Medio Oriente.
Impersonificheremo il soldato BlackBurn e altri suoi commilitoni, nell’intento di sventare una minaccia terroristica il cui scopo è quello di destabilizzare l’ordine mondiale tramite l’uso di testate nucleari sottratte alla Russia.

Disporremo di diverse difficoltà per affrontare l’esperienza videoludica: una modalità Facile per i neofiti del genere FPS, assistiti da indicazioni e obiettivi sul radar, munizioni nel caricatore, mirino visibile e una notevole resistenza ai colpi nemici.
Al contrario, per gli ormai navigati videogiocatori, ogni singola missione potrà trasformarsi in un vero e proprio inferno dato che l’HUD di gioco sarà totalmente assente e i nemici saranno più scaltri e determinati a darvi del filo da torcere.

La modalità Co-Op online, pur non essendo la colonna portante del titolo, regala comunque momenti decisamente entusiasmanti. Affiancati da un amico, potremo decidere la strategia da adottare per muoversi attraverso le 6 missioni disponibili, optando per un approccio tipicamente stealth e low-profile o per un assalto adrenalinico.

Per quanto riguarda il Multiplayer avremo a disposizione 4 modalità di gioco: Deathmatch a squadre, Conquista, Corsa e Corsa a squadre (quest’ultima solo per 8 giocatori). Le mappe, riprese da scenari già comparsi nella campagna giocatore singolo, possono ospitare fino a un massimo di 64 giocatori e sono interamente modificabili in tempo reale, permettendo così di utilizzare le più svariate tattiche per conquistare la vetta della classifica, grazie anche all’uso di diversi veicoli che rendono l’esperienza di gioco ancora più gratificante.
Ogni giocatore potrà selezionare la classe di appartenenza, dal demolitore allo sniper e maggiori saranno i risultati nelle partite, maggiori saranno le armi e gli accessori sbloccabili.

Nota di merito va senza dubbio al comparto grafico, assolutamente strabiliante in questo capitolo. Il team di sviluppo si è dato davvero da fare sfruttando al meglio il motore grafico Frostbyte 2 e ricreando intere aree urbane devastate dagli effetti del conflitto: assisteremo a edifici crollati, dense colonne di fumo nero, effetti e bagliori delle esplosioni con polveri in sospensione e raggi solari che filtrano attraverso di esse.
Anche il comparto sonoro è molto ben realizzato. Basterà premere il grilletto e per i più appassionati sarà piacevole riconoscere il vero sparo prodotto da ogni singola arma replicata fedelmente nel gioco, così come tutti i suoni caratteristici di un conflitto bellico, dalle esplosioni all’eco dei conflitti in lontananza, dalle urla agli aerei che infrangono la barriera del suono sopra le nostre teste virtuali.

In definitiva Battlefield 3 è un must che ogni appassionato di FPS non può non possedere nella sua collezione, soprattutto per quanto riguarda l’aspetto del Multiplayer, vero fiore all’occhiello del titolo DICE.

 

Piaciuto l'articolo? Fallo conoscere a tutti:

  • Facebook
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Print
  • Twitter
  • Yahoo! Buzz
  • Digg
  • StumbleUpon

Potrebbe piacerti anche Altri autori

E tu che ne pensi?

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Giudizio Generale:
This site uses cookies. Find out more about this site’s cookies.