Blablacar ( car sharing)

0 1

Car sharing. Ecco cosa propone il sito blablacar.it che nasce dalle ceneri di un altro nato nel 2010 per iniziativa di alcuni ragazzi che avevano sperimentato la formula di offrire e ricevere passaggi in auto.

Nel Marzo dello scorso anno, il vecchio “postoinauto.it” è entrato a far parte del grande circuito europeo di blablacar. Ma cos’è il car sharing? Semplice. Si tratta di condividere viaggi che si devono fare, dando un passaggio (pagato) a chi ha esigenza di raggiungere la stessa meta nello stesso giorno.

Quindi il car sharing è un nuovo concetto di mobilità dove, se l’offerta e la domanda si incontrano, si hanno reciproci vantaggi: per il conducente è quello di recuperare qualcosa sulle spese di viaggio (carburante, pedaggi, ecc..); per il viaggiatore l’economicizzare il costo del trasporto se paragonato a quello di un biglietto aereo o ferroviario. Ma è una cosa positiva anche per l’ambiente, dal momento che si cerca di ottimizzare attraverso un unico viaggio, le esigenze di varie persone che hanno lo stesso problema di recarsi da una parte all’altra. Se si pensa che, ad esempio in Italia, l’80% degli occupanti di un’automobile viaggia da soli (su 36 milioni di veicoli!), la condivisione rappresenta risparmiare da tutte le parti si consideri la cosa.

Blablacar funziona esattamente come luogo virtuale di incontro tra offerta e domanda. Il meccanismo è estremamente semplice e funzionale.
Prima operazione da fare è iscriversi al sito (è una semplice operazione di anagrafica della persona che intende accreditarsi) ovviamente senza dover affrontare alcun costo. Una volta compiuta questa semplice operazione, dopo aver effettuato il login si può inserire la propria offerta (se si vuole dare un passaggio) oppure la propria richiesta (se si cerca un passaggio). Un motore di ricerca interno, cercherà tra le possibilità pubblicate quelle che possono coniugare le due posizioni che verranno di conseguenza proposte in modo da mettere in contatto le due persone.

Il prezzo da richiedere viene suggerito da blablacar ma è il conducente che deve tener presente un forfait che soddisfi le sue richieste. Prezzo che una volta pattuito ed accettato il conducente deve farsi pagare all’inizio del viaggio da parte del passeggero.

Essendo un concetto che si basa sulla fiducia, eventuali problemi che incidentalmente potrebbero sorgere come il conducente che non si presenta, devono essere segnalati con dei feedback negativi come, in caso di soddisfacente rapporto, si prega di inviare positivi feedback e questo proprio a tutela di un servizio che pone alla base di tutto, l’intelligente condivisione di un servizio che fa comodo sia a chi offre che a chi acquista.
Un sito davvero esaustivo è a disposizione per informazioni dettagliatissime curate da un team che ha entusiasmo e voglia di fare, affinchè la filosofia della condivisione entri a far parte del nostro modus vivendi.

 

Piaciuto l'articolo? Fallo conoscere a tutti:

  • Facebook
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Print
  • Twitter
  • Yahoo! Buzz
  • Digg
  • StumbleUpon

Potrebbe piacerti anche Altri autori

E tu che ne pensi?

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Giudizio Generale:
This site uses cookies. Find out more about this site’s cookies.