Black (videogame)

0 2

Black è un Fps (First Person Shooter) uscito nel 2006 per Playstation 2 e Microsoft Xbox. Quando fu pubblicato c’erano molte aspettative su questo prodotto. Le più alte probabilmente sono andate deluse, tuttavia il risultato raggiunto non è stato disprezzabile. Il gioco è ambientato in diverse zone di battaglia localizzate nell’Europa dell’Est. Il giocatore veste i panni di un agente speciale “black ops”, il sergente di prima classe Jack Kellar. Kellar è protagonista di un interrogatorio in cui racconta in prima persona l’avventurosa storia dei suoi ultimi quattro giorni. Giorni pieni di azioni e ritmo per uno sparatutto supportato da una buona grafica, che conta su ombre ed effetti particellari di elevata fattura per l’epoca di uscita del gioco. Molto riuscite le esplosioni. Il motore inoltre è sempre sufficientemente fluido, anche nelle fasi più caotiche. Prestazioni al top anche per quel che riguarda il sonoro, molto coinvolgente e realistico, davvero ben curato. Per quel che concerne il gameplay, possiamo parlare di realizzazione onesta, senza particolari picchi di originalità, né grandi infamie. Black riesce a tenere sufficientemente incollati allo schermo, anche se non propone situazioni inedite o una tipologia di armi diverse dal solito. Non aspettatevi un collega di Call of Duty, insomma. Lo scenario tuttavia intriga sufficientemente i novizi del genere,quella fascia di utenti che ama sparare senza spremere troppo le meningi e chi si esalta per il grilletto facile. “Ignorante”, ma con gusto, con una componente arcade che val la pena provare, senza aspettarsi troppe concessione al realismo. Apprezzabile comunque la richiesta di un minimo di pianificazione strategica per avere la meglio in alcuni momenti su nemici particolarmente ostici. La trama, pur non brillando per inventiva, si lascia assaporare e l’artificio del flashback nel suo piccolo si rivela funzionale. I filmati di intermezzo che collegano le varie missioni certo non sono lo stato dell’arte, ma basta non farci troppo caso. Purtroppo la qualità complessiva del videogioco è minata da una intelligenza artificiale non sempre all’altezza, (sia quella dei nostri nemici che quella degli occasionali compagni di squadra che in sporadiche situazioni coopereranno con noi) e da una longevità appena sufficiente, soprattutto per i giocatori più smaliziati che non impiegheranno più di sette ore per portarlo a termine. Il titolo peraltro si conclude con un finale aperto, in attesa di un sequel. Inizialmente questo era previsto con il nome di Black: Second Mission. Sviluppato da Criterion Games (creatori di Burnout) e distribuito da Electronic Arts è stato cancellato (a quanto pare definitivamente) mentre era in fase di sviluppo.

Piaciuto l'articolo? Fallo conoscere a tutti:

  • Facebook
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Print
  • Twitter
  • Yahoo! Buzz
  • Digg
  • StumbleUpon

Potrebbe piacerti anche Altri autori

E tu che ne pensi?

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Giudizio Generale:
This site uses cookies. Find out more about this site’s cookies.