Capitan America (film)

0 3

Ormai siamo abituati a vedere i fumetti trasposti in versione cinematografica , e andando avanti negli anni i lungometraggi vengono impreziositi da lavoraazioni iper tecnologiche sempre superiori e più affascinanti.
Basti pensare all’ormai datatissimo “Dick Tracy” , uno dei primi film tratti da personaggi di cellulosa, dal fascino tuttora invariato ma completamente lontano dalle ultime frontiere delle tecniche applicate al cinema, come nei più recenti Spiderman, ad esempio.
Ed un altro grande eroe dei fumetti , peraltro attesissimo, sta per sbarcare sul grande schermo: è infatti prevista a luglio l’uscita del nuovo film ispirato e prodotto dalla Marvel, ovvero Capitan American.

Il personaggio dei fumetti, nato dalla matita di Joe Simon e Jack Kirby nel lontano 1941 , creato proprio come elemento di propaganda nel momento in cui l’America era impegnata a sostenere la seconda guerra mondiale , divenne un vero e proprio culto soprattutto nel rimaneggiamento di circa venticinque anni dopo , quando venne spogliato di ogni intento nazionalistico per diventare un supereroe a tutto tondo, ma con un’origine tutta umana: si tratta infatti di un soldato reso diverso dal DNA geneticamente modificato.
E come tutti i supereroi , anche Capitan America aveva già interessato i media negli anni quaranta, quando aveva ispirato un serial cinematografico.
Ma il film, già abbondantemente anticipato e pubblicizzato, è considerato un vero e proprio grande evento di quest’anno su grande schermo.
La pellicola, girata dal regista Joe Johnston, reduce da poco tempo dei successi di ” Wolfman ” , vede un ottimo cast e soprattutto una grande fotografia , fredda e glaciale come un ottimo film di genere richiede.

Captain America è interpretato da un Chris Evans, particolarmente adatto alla parte del vendicatore, non nuovo al genere, dal momento che è suo il volto di uno dei fantastici quattro nella recentissima versione americana cinematografica.
Accanto a lui, attori di calibro, come Tommy Lee Jones e Stanley Tucci, recentemente incensato per la splendida interpretazioni in “Amabili Resti”.
La trama si dipana dalla richiesta di arruolamento del giovane protagonista, Steve Rogers, che , considerato non idoneo, decide di offrirsi volontario per il nuovo sperimentale “Super Soldato”. Insomma, il film si dipana concentrandosi sulla nascita dell’eroe statunitense, per proseguire con i suoi primi atti di vendicatore.
La regia è perfettamente adatta al film di genere, benchè in alcuni momenti risulti forse eccessivamente ritmata.
Anche la sceneggiatura , a parte poche esagerazioni, frequenti in film di questo genere, regge abbastanza bene durante tutto il film.
Chris Evans , sebbene perfetto fisicamente per la parte , si concentra forse troppo sul personaggio, scegliendo di renderlo mimicamente come una specie di maschera tragica fissa, il che però non ne pregiudica la resa.
In conclusione , un ottimo film per appassionati del genere, che non deluderà in sala.

Piaciuto l'articolo? Fallo conoscere a tutti:

  • Facebook
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Print
  • Twitter
  • Yahoo! Buzz
  • Digg
  • StumbleUpon

Potrebbe piacerti anche Altri autori

E tu che ne pensi?

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Giudizio Generale:
This site uses cookies. Find out more about this site’s cookies.