CIAK SI GIRA 10:Il grande e potente Oz

0 0

Cari amici che delusione !!!!
Ho accompagnata la mia figlia minore a vedere il film “Il grande e potente mago di Oz” .
Avevamo visto il trailer, e memori della storia originale narrata nel celebre romanzo per ragazzi di L. Frank Baum, siamo arrivate cariche di aspettative legate sia alla trama che all’interpretazione, che alla fantasia applicata alle scene ed immagini.

Ammetto che la delusione è stata mia, personale, a mia figlia il film è piaciuto, e quando le ho esplicitato le mie impressioni, non le ha condivise ed ho intuito nel suo pensiero (educatamente non espresso un “mamma sta invecchiando !”).
La trama del film potete pensarla un po’ come la premessa di ciò che poi si conosce nel romanzo originale, cioè la storia dell’arrivo del mago alla città di Smeraldo.
Arrivo atteso da molto tempo a seguito di una strega cattiva che sottomette la popolazione.
Il mago è un illusionista, affascinante e donnaiolo, che, a seguito di un ciclone, viene trasportato nel mondo fantastico, che riuscirà a liberare dal male, malgrado non sia il salvatore che tutti attendono.

Due cose in particolare non mi sono piaciute:
a) il film è molto lungo ed il ritmo di coinvolgimento non tiene, non regge, e di conseguenza ci si annoia spesso
b) il romanzo originale sembra fosse una allegoria della politica monetaria degli Stati Uniti alla fine del 1800. Possibile anche se non l’avevo mai analizzato da questo punto di vista ed ora cercherò di rileggerlo in questa ottica. Questo film invece mi sembra che sia un’allegoria della storia di Gesù Cristo (il mago di Oz è il salvatore atteso, che libererà dal male. Il mago di Oz conquista le persone con la sua venuta, fa credere di essere la persona attesa. Per liberare dalla strega cattiva, dal male, non avendo reali poteri per farlo, utilizzerà l’illusionismo, e farà credere a tutti, tranne ai suoi amici più intimi, di essere morto, ucciso dai nemici, ma in grado di ritornare, mostrandosi e parlando all’occorrenza). E questo tipo di storia, in uscita nelle sale cinematografiche proprio in quaresima alla vigilia della Pasqua mi ha un po’ infastidito….ma si tratta comunque di una mia interpretazione, magari non corrispondente al pensiero della produzione.
Quindi:se avete piacere di vederlo per dare una vostra interpretazione al mio pensiero, non posso altro che consigliarvene la visione, altrimenti penso che possiate fare a meno di dedicarci del tempo….a meno che vogliate trascorrere del tempo con i vostri figli, magari se il tempo è brutto, ed accompagnarli al cinema !

Piaciuto l'articolo? Fallo conoscere a tutti:

  • Facebook
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Print
  • Twitter
  • Yahoo! Buzz
  • Digg
  • StumbleUpon

Potrebbe piacerti anche Altri autori

E tu che ne pensi?

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Giudizio Generale:
This site uses cookies. Find out more about this site’s cookies.