ECO DI LIBRO 17: Qualcosa di nuovo di P.G. Wodehouse

0 3

Buona domenica a tutti !
Anche per questa recensione, prima di tutto un grazie alla mia amica Donatella, che oltre ad essere un ottimo medico ginecologo, ha anche dei gusti letterari raffinati e piacevoli, e mi ha imprestato a maggio, durante una cena a casa sua, questo romanzo.
Il mondo dei libri è veramente molto vasto, e per quanto una persona possa pensare di conoscere tanto, di aver letto molto, si scopre spesso e volentieri, che esistono delle zone ancora scure, da esplorare, nelle quali immergersi in letture nuove e belle.

Questo è stato per me, quando mi è stata proposta da Donatella la lettura di questo romanzo.
Wodehouse è stato uno scrittore inglese, vissuto tra l’ottocento ed il novecento, non ricco, ha dovuto lavorare per diversi anni in banca per pagarsi gli studi universitari. La passione dello scrivere è diventata presto il suo mestiere, la sua professione che ha svolto fuori dall’Inghilterra, tra per la Francia e gli Stati Uniti. Ha scritto moltissime opere letterarie, ha sceneggiato delle commedie teatrali ed ha scritto testi di canzoni.
Questo romanzo è molto piacevole, scritto con stile, con un uso del lunguaggio sofisticato. Una trama articolata, con tocchi di giallo, di rosa e pizzichi di umorismo. Una serie di personaggi diversi, ma tutti molto ma molto inglesi. L’impressione principale, che da particolare eleganza al testo nel suo complesso è che lo scritto, scivola fuori dalle pagine scritte come si trattasse di delicati tocchi di pennello, che al solo sfiorare della tela lasciano attraverso punti di colore, meravigliose sensazioni di immagine.

Piaciuto l'articolo? Fallo conoscere a tutti:

  • Facebook
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Print
  • Twitter
  • Yahoo! Buzz
  • Digg
  • StumbleUpon

Potrebbe piacerti anche Altri autori

E tu che ne pensi?

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Giudizio Generale:
This site uses cookies. Find out more about this site’s cookies.