Educazione Siberiana (film)

0 3

Il regista premio oscar 1992 Gabriele Salvatores comincerà, a fine agosto, le riprese del suo prossimo film, tratto dal romanzo autobiografico EDUCAZIONE SIBERIANA, opera prima di Nicolai Lilin.

Il film, ambientato in Lituania e in Italia nel decennio 1985 – 1995, parlerà della comunità degli Urka, discendenti dei criminali deportati da Stalin in Siberia, al confine con la Moldavia, in una regione chiamata Transnistria.

L’etnia Urka ha origini molto antiche, con tradizioni tanto radicate da essere sopravvissute al tempo e alla deportazione. Gli uomini cominciano a tatuare avvenimenti della propria vita sul proprio corpo a 12 anni, divenuti anziani gli altri membri della comunità potranno conoscere la loro storia semplicemente osservandone i tatuaggi.

Gli anziani sono i depositari delle conoscenze e delle regole ed hanno il compito di formare i giovani con pazienza e rigore.

Devono trasmettere loro la giusta visione del mondo, una viosione fondata sul rispetto degli anziani e dei disabili, sulla lotta contro il potere politico ed economico e sulla pratica di un cristianesimo ortodosso.

Il film racconterà l’educazione del giovane Kolyma, interpretato dall’attore lituano Arnas Fedaravicius, da parte del nonno Kuzja che gli spiegherà i principi che regolano la vita dei Criminali Onesti, perché gli Urka sono sì criminali ma hanno un loro codice etico che li rende “onesti”: si rapina e si uccide solo per validi motivi, non si stupra, non si estorce, non si mente neppure per evitare l’arresto e la galera, non si toccano le donne e i bambini, non si parla con i poliziotti …

Il nonno sarà interpretato da John Malkovich, attore affermato che ha già lavorato con molti grandissimi registi tra cui Steven Spielberg, Bernardo Bertolucci, Clint Eastwood, Woody Allen, i fratelli Coen, e Jane Campion.

Il regista firma anche la sceneggiatura insieme a Stefano Rulli e Sandro Petraglia, già sceneggiatori di film di successo come “La vita è bella” e “La meglio gioventù”.

Secondo quanto affermato da Salvatores, il film sarà un Eastern, in quanto avrà il ritmo di un western ma sarà ambientato nell’Est europeo invece del Far West.

L’uscita del film, prodotto da Cattleya, è prevista nel corso del 2012.

Il film promette di essere molto interessante, sia perché girato da un eccellente regista e interpretato da un apprezzato attore, sia perché basato su una storia molto intensa, che tratta di una terra di nessuno in cui le regole sono stravolte ma rispettate, dove per essere onesti occorre imparare ad uccidere e a rubare, dove, per diventare uomini, bisogna diventare una contraddizione in termini: “onesti criminali”.

Piaciuto l'articolo? Fallo conoscere a tutti:

  • Facebook
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Print
  • Twitter
  • Yahoo! Buzz
  • Digg
  • StumbleUpon

Potrebbe piacerti anche Altri autori

E tu che ne pensi?

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Giudizio Generale:
This site uses cookies. Find out more about this site’s cookies.