Faccia d’angelo la Mala del Brenta seconda parte

0 3

Nella seconda ed ultima parte della miniserie prodotta da sky Italia si narrano gli avvenimenti che porteranno alla fine della banda denominata la “ Mala del Brenta” e alla cattura del Toso, interpretato sempre da un grandissimo Elio Germano.
La puntata inizia con il Toso che si trova a cena a Brescia con la fidanzata e gli altri membri della banda; irromperà all’improvviso la polizia che li arresterà tutti, mentre vengono ammanettati e portati nelle autovetture della polizia, il Toso cerca di rassicurare la fidanzata , dicendole più volte di restare tranquilla che non è nulla di serio e che tutto si risolverà in pochi minuti.
Tutti i membri della banda verranno rilasciati dopo poche ore poiché la polizia ha prove sufficienti solo per trattenere agli arresti il Toso accusato di associazione mafiosa.

Gli affari senza la sua lucida e spietata guida vanno più a rilento, anche a causa di lotte interne alla banda e di attacchi da parte delle altre organizzazioni criminali che stanno cercando di approfittare della sua cattura per intaccarne il potere e l’egemonia.
Inoltre la sua fidanzata perderà la vita a seguito di un incidente automobilistico poco chiaro, verrannon anche  assassinati due membri della banda del Toso.
In carcere per un paio di anni, nel dicembre dell’ottantotto il Toso riesce a sfuggire dal carcere di Fossombrone grazie ad ingegnosa fuga attraverso dei cunicoli del sistema fognario nei pressi della prigione dei quali era venuto a conoscenza studiando, durante la sua detenzione, alcuni testi di Architettura.
Una volta fuori di prigione tutto sembra mettersi bene per il Toso che ripresa la situazione in pugno, rilancia gli affari della banda e riallaccia il suo rapporto con il figlioletto.

Ma a seguito di un colpo non riuscito ed alcuni omicidi la polizia gli si fa sempre più vicina e per il Toso non resta che progettare una fuga all’estero.
Comprerà quindi una nave di lusso per dirigersi in Croazia assieme a tutta la sua famiglia, ma prima di arrivarci farà una fermata nella splendida Capri, ciò gli sarà fatale, verrà catturato da due valorosi agenti di polizia da tempo sulle sue tracce.

Così si conclude la serie tv in due parti ‘Faccia d’angelo’ ispirata alla vita di Felice Maniero uno dei più duri e astuti criminali della storia criminale italiana.
Il film seppur si distacca abbastanza dalla biografia reale di Maniero riesce senz’altro riesce a farsi notare e ad appassionare il pubblico grazie al fascino che suscitano gli antieroi e soprattutto per via all’ottimo lavoro svolto da Germano, una riuscita colonna sonora composta dagli Afterhours e un ingente sforzo di produzione basti pensare che ben 900 sono le comparse che partecipano al film e 140 le auto d’epoca impiegate.

Piaciuto l'articolo? Fallo conoscere a tutti:

  • Facebook
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Print
  • Twitter
  • Yahoo! Buzz
  • Digg
  • StumbleUpon

Potrebbe piacerti anche Altri autori

E tu che ne pensi?

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Giudizio Generale:
This site uses cookies. Find out more about this site’s cookies.