Gravidanza felice (maternità)

0 0

La vecchia espressione “stato interessante” che pudicamente (o ipocritamente) nascondeva la parola “gravidanza” in tempo passati, aveva in fondo una sua ragion d’essere, in quanto lo stato di una donna gravida è realmente molto interessante e tutto da godere.
Una delle condizioni necessarie per godersi la gravidanza, è naturalmente stare in buona salute, il che consente di mantenere in buona salute il bambino che si sta “costruendo” oltre che di salvaguardare la salute mentale di quelli che stanno vicino alla gestante, primo fra tutti il papà.
Qui non ci occuperemo dei problemi di salute veri e propri, di competenza, ovviamente del ginecologo o comunque di operatori della sanità, quanto piuttosto del benessere della mamma in attesa.

Se in linea di massima è vero che la salute di una persona non è da intendere solo in negativo come assenza di patologie, ma piuttosto in senso positivo come situazione di benessere e soddisfazione, questo vale a maggior ragione durante il periodo magico della gravidanza.
Che fare allora per mantenere il massimo del benessere durante i nove mesi in cui il nostro bambino è in cantiere, soprattutto nel periodo invernale?
Innanzi tutto il benessere dipende dall’atteggiamento della donna. La gravidanza non è una malattia e quindi non va in nessun modo medicalizzata. Una vita normale, quindi, è alla base del benessere della gestante. Questo naturalmente non deve portare all’eccesso opposto, vale a dire non deve impedire di considerare la specificità della situazione.
Anche se non è ammalata, la gestante è comunque impegnata in un’impresa importante e il suo corpo ha bisogno di energie per portarla a termine. Non lanciatevi quindi negli sport invernali, per dimostrare che non vi lasciate limitare da niente, ma non è il caso neanche che vi copriate in modo eccessivo rifiutandovi di uscire per non correre rischi di contagio.

Una cosa che invece è saggio evitare, se avete già bambini, è di recarvi all’asilo, che spesso ospita bambini ammalati o con malattie in incubazione. In ogni caso però non siate radicali: mediate questa esigenza col bisogno che avrà il vostro bambino di non vedervi cambiare abitudini troppo radicalmente e quindi ad esempio smettere di andare a prenderlo a scuola.
Molto importante è l’alimentazione: è dimostrato che non c’è bisogno di mangiare per due, ma non siate ossessionate dalla dieta. Agite piuttosto sulle quantità in modo da non ingrassare troppo, cosa che renderebbe il vostro parto più faticoso e meno sicuro, ma coccolatevi e fatevi coccolare anche sfoderando le “ voglie” più strane. E’ un’occasione che non vi ricapiterà facilmente! L’inverno offre numerose possibilità di assecondare i desideri e nel contempo far qualcosa per la propria salute: non fatevi mancare gli agrumi, che come è noto sono una buona fonte di vitamine.
Ancora, sia in inverno che in estate, una gravidanza è un periodo progettuale per definizione. E fare progetti è la prima spinta verso il benessere: cominciamo allora a pensare a come e quanto saremo brave col nostro bambino, a quanto cercheremo di cambiare il mondo per consegnargliene uno migliore, e questo ci darà una carica che ci farà stare bene.

Piaciuto l'articolo? Fallo conoscere a tutti:

  • Facebook
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Print
  • Twitter
  • Yahoo! Buzz
  • Digg
  • StumbleUpon

Potrebbe piacerti anche Altri autori

E tu che ne pensi?

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Giudizio Generale:
This site uses cookies. Find out more about this site’s cookies.