I Goonies (film d’avventura)

0 3

Era il 1985 quando il regista Richard Donner diresse “I Goonies” un film d’avventura che in breve tempo conquistò un’intera generazione di giovani. Ad oggi, dopo più di vent’anni, il film rimane ancora uno dei più amati tra i ragazzi.

La chiave del grandioso successo de “I Goonies” è da attribuire probabilmente alla combinazione tra la trama avventurosa e divertente e un cast di giovani e brillanti attori. La sceneggiatura è stata tratta da un soggetto di Steven Spielberg che fu anche il produttore del film.

I protagonisti della pellicola sono i ragazzi di un quartiere della cittadina di Astoria, in Oregon, che si fanno chiamare “Goonies” da “Goon Docks”, il nome del quartiere in cui vivono. Proprio per salvare il quartiere, messo a repentaglio da due ricchi imprenditori che vogliono radere al suolo le case dei ragazzi e delle loro famiglie per costruire un campo da golf, la banda dei Goonies guidata da Mikey (Sean Astin) decide di andare alla ricerca del misterioso tesoro del pirata spagnolo Willy l’Orbo, vissuto nel 1600 e scomparso con un leggendario bottino.

I compagni d’avventura di Mikey sono il fratello Brandon (Josh Brolin), lo spiritoso Mouth interpretato da un brillante Corey Feldman, Chunk il simpatico e goloso chiacchierone (Jeff Cohen) e Data il piccolo inventore (Jonathan Ke Quan). A loro si uniscono le due ragazze Andy (Kerri Green) e Stef (Martha Plimpton).

I ragazzi però dovranno fare i conti con la “Banda Fratelli” che si mette sulle loro tracce per arrivare al tesoro. La mappa del pirata infatti conduce a un vecchio ristorante che in realtà è il covo in cui la banda di malviventi italo-americani stampa banconote false. La strampalata squadra di criminali è composta dalla perfida madre (Anne Ramsey)e dai fratelli Jake (Robert Davi) e Francis (Joe Pantoliano). Il terzo fratello, il deforme Sloth, è tenuto imprigionato ed incatenato nei sotterranei del ristorante.

I ragazzi, inseguiti dalla banda di criminali si addentrano nei sotterranei andando incontro ad una serie di diaboliche trappole e trabocchetti. Alla fine troveranno il galeone che custodisce il tesoro di Willy l’Orbo e il lieto fine è assicurato.

Indimenticabile è il personaggio di Sloth che diventa amico ed alleato di Chunk e si rivela un uomo buono e generoso aiutandolo a mettere in salvo i suoi amici. Sloth rappresenta un personaggio-simbolo del film ed è interpretato da John Matuszak, morto appena quattro anni dopo l’uscita del film a soli 38 anni a causa di un arresto cardiaco.

Il film unisce in un perfetto equilibrio avventura e divertimento e grazie ad idee e spunti di irresistibile fascino procede a ritmo incalzante. Si tratta di un film originale e unico, capace ancora di affascinare e divertire grazie alla simpatia e all’intraprendenza degli indimenticabili personaggi. Le avventure dei Goonies sono rimaste nei cuori di migliaia di ragazzi e continuano a conquistare sempre nuovi affezionati ammiratori.

Ad ogni nuova visione il film è in grado di riportare gli spettatori indietro nel tempo e far provare emozioni avvincenti. “I Goonies” può essere di diritto considerato un piccolo, grande capolavoro senza tempo.

Piaciuto l'articolo? Fallo conoscere a tutti:

  • Facebook
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Print
  • Twitter
  • Yahoo! Buzz
  • Digg
  • StumbleUpon

Potrebbe piacerti anche Altri autori

E tu che ne pensi?

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Giudizio Generale:
This site uses cookies. Find out more about this site’s cookies.