I soliti idioti (film 2011)

0 3

Ruggero De Ceglie è il volgare imprenditore romano arricchitosi con il commercio dei panini coi wurstel, amante delle donne e della bella vita. Una mattina si risveglia da un brutto incubo che però scopriamo presto essere la realtà. Il figlio Gianluca, un ragazzo colto, mite e dotato di una certa sensibilità, sta per sposare la ragazza di cui è innamorato, Fabiana. Il sol pensiero che il figlio si sposi con una donna poco attraente, che mai però compare sullo schermo, manda in tilt il “povero” Ruggero. Egli infatti non può concepire che Gianluca non abbia avuto e non avrà tutte le donne che ha avuto lui. In preda alla disperazione e desideroso d’orgoglio Ruggero scommette con un altro imprenditore romano che Gianluca finirà presto a letto con la Sorcicova, la famosa top model testimonial della linea di biancheria intima “smutandissimi” che appare come una dea su tutti i cartelloni pubblicitari. La mattina delle nozze Ruggero, arrivato davanti alla chiesa, non cerca parcheggio come Gianluca gli suggerisce di fare ma conduce il figlio fino a Roma a conoscere la bella Irina Sorcicova. Per far sì che Gianluca lo accontenti si finge malato terminale di “rontolite seborroica”. Ruggero non può lasciare che il figlio si sposi senza avergli prima dimostrato di essere un vero uomo e l’unico modo per dimostrargli di essere un duro è quello di conquistare la modella “smutandissimi”. E così lo trascina in una serie di situazioni bizzarre alle quali si uniscono le altrettanto stravaganti vicende di alcuni invitati al matrimonio che fanno da cornice alla trama principale. Sono tutti personaggi già noti dalla serie televisiva da cui il film è tratto. Gli omosessuali Fabio & Fabio che, convinti di aver concepito un bambino, danno vita ad esilaranti gag date dal loro interpretare come omofobia le reazioni della gente davanti a questa irreale supposizione. I due tennisti alto – borghesi e snob Gianpietro e Marialuce detti “gli immoralisti” che tentano di nascondere alla società l’evidente crisi sentimentale sfoggiando un guardaroba in coordinato e un carattere sempre moderno e tollerante quando invece cercano solo di celare un estenuante forma di razzismo. Sebastiano, il facchino metallaro che deve consegnare il regalo di nozze agli sposi, condannato a scontrarsi con la calma e indisponente impiegata delle poste, Gisella. A queste storiche conferme si aggiungono i due inediti e scoppiettanti russi che comunicano utilizzando il semplice monosillabo: da? da! Il format è lo stesso della fortunata serie televisiva e Fabrizio Biaggio e Francesco Mandelli sono i “soliti” protagonisti della pellicola diretta da Enrico Lando dove interpretano i vari duo. Irina Sorcicova è invece interpretata da Madalina Ghenea.

Piaciuto l'articolo? Fallo conoscere a tutti:

  • Facebook
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Print
  • Twitter
  • Yahoo! Buzz
  • Digg
  • StumbleUpon

Potrebbe piacerti anche Altri autori

E tu che ne pensi?

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Giudizio Generale:
This site uses cookies. Find out more about this site’s cookies.