Il Corvo (film)

0 4

“Ic, diretto da Alex Proyas con Brandon Lee, Ernie Hudson e Michael Wincott. Il film è tratto dai fumetti di James O’Barr.

Eric Draven è un musicista, fidanzato con la bella Shelly Webster. Una notte , la notte che in città chiamano “La Notte del Diavolo” a causa delle violenze che si generano ogni anno in città in questa ricorrenza, irrompono in casa della coppia quattro banditi. Questi inizieranno a violentare Shelly, mentre Eric viene colpito in petto da dei colpi di pistola e cade giù dalla finestra morendo all’impatto col suolo.

Esattamente un anno dopo, Eric tornerà in vita grazie ad un misterioso corvo che appare sopra la sua tomba e sarà dotato di poteri sovraumani, cosi che potrà regolare i conti con i suoi assassini e ritornare nel mondo dei morti e riposare in pace insieme alla sua amata Shelly. Durante il suo ritorno dall’aldilà si imbatterà in un onesto poliziotto che lo aiuterà a sconfiggere i criminali e in Sarah, la giovane sorella di Shelly al quale lui farà da fratello maggiore e tenterà di indirizzarla verso la rettà via.

Il Corvo è indubbiamente un film cupo, scuro e tetro al punto giusto. La città in cui è ambientato il film è una città difficile, se non impossibile, dove la criminalità dilaga e la vita non è per niente una passeggiata. Una città triste, cupa, con la pioggia che fa sempre da sfondo alle sue giornate.
Seppure il tema della vendetta è stato trattato spesso al cinema, “Il Corvo” riesce ad appassionare lo spettatore, il fascino generato dal personaggio di Eric Draven basterebbe da solo a tenere in piedi qualsiasi sceneggiatura.

La popolarità del film, oltre che per il film in sè, è dovuta anche alla tragedia che colpì sul set lo sfortunato Brandon Lee. Durante le riprese, l’attore venne colpito da una pistola che sarebbe dovuta essere caricata a salve, ma invece Brandon Lee spirò sul colpo e ciò causo numerosi problemi alla produzione.
Le circostanze non furono mai chiarite e il film comunque si fece, utilizzando degli stuntman e dei trucchi digitali.

Si può dire che “Il Corvo” è sicuramente un bel film, che sfrutta benissimo una trama lineare e che fa del ritmo forsennato il suo punto di forza. Efficacissima la colonna sonora, adatta allo scenario dark della pellicola.
Un film che ha lasciato il segno, forse senza la tragedia occorsa al protagonista non avrebbe avuto tanto successo, ma sicuramente ci troviamo di fronte ad un film ottimamente confezionato, che si lascia guardare e che colpisce lo spettatore.
Il film ha avuto vari seguiti, ma la bellezza e l’epicità del primo capitolo seguiti non ne avrà mai.

Piaciuto l'articolo? Fallo conoscere a tutti:

  • Facebook
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Print
  • Twitter
  • Yahoo! Buzz
  • Digg
  • StumbleUpon

Potrebbe piacerti anche Altri autori

E tu che ne pensi?

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Giudizio Generale:
This site uses cookies. Find out more about this site’s cookies.