Il diario di Bridget Jones, (film)

0 3

Il diario di Bridget Jones è un film del 2001,basato sul romanzo omonimo scritto da Helen Fielding e diretto nella versione cinematografica dalla regista Sharon Maguire.
Il genere è indubbiamente quello della commedia romantica, dall’inizio difficile fino ad arrivare, dopo più o meno piccole turbolenze, al lieto fine.
La protagonista, Bridget Jones, è una più che trentenne, non bellissima, nè incredibilmente sexy o sempre perfettina e impeccabile; Bridget è al contrario una donna che potremmo definire “normale”, con qualche chilo in più e una vocazione naturale per combinare pasticci. Le situazioni che capitano alla protagonista, così come la sua natura un po’ imbranata e spesso inopportuna ma sicuramente spontanea, sono, nel film, sicuramente enfatizzate e portate all’estremo per rendere il film divertente, ma alla fine andando a guardare la storia nel complesso non è poi così difficile riconoscersi in lei o quantomeno provare un’immensa simpatia per questo personaggio buffo!

Ciò che affligge la protagonista è l’assenza dell’amore nella propria vita. Si ritrova a passare natale e capodanno da sola o con un famiglia strampalata e imbarazzate che non fa altro che domandarle come mai non è ancora sistemata e con un marito accanto. Per il resto dell’anno nella sua vita ci sono i sue due migliori amici, inseparabili, che la tirano su proprio per la loro natura improbabile!
Ma ecco che, proprio come succede nella vita vera, nel momento in cui entra in scena un flirt, la situazione si ribalta; vediamo Bridget che dallo strafogarsi di gelato e schifezze seduta sul divano in pigiama a cantare canzoni d’amore, passa a vestirsi di tutto punto con minigonne e scollature abbondanti per giocare a sedurre questo nuovo e inaspettato corteggiatore, il suo capo!
Inizia così, appunto, a flirtare con lui; un uomo bello, affascinante e dallo sguardo magnetico, che non si tira indietro dal provocarla continuamente in modo sexy.
Ma ecco che arriva un secondo pretendente per Bridget; potremmo definirli la nemesi l’uno dell’altro. perchè lui è il perfetto bravo ragazzo, dolce e gentile ( anche se non meno bello per niente! ), timido, che niente a che vedere con la corte spudorata dell’altro.

Bridget è realmente combattuta tra i due uomini, ma, in un primo momento non riesce a resistere al fascino spocchioso e arrogante del proprio capo, che con i suoi modi di fare spudorati la attira a se.
Ma Bridget comincia a rendersi conto di sentire qualcosa anche per l’avvocato Mark Darcy…fino a che decide di dichiararsi a lui. Proprio nell’occasione in cui avrebbe voluto farlo lui annuncia di doversi trasferire negli stati uniti per lavoro, lasciando la nostra protagonista in un baratro di tristezza e sconforto.
Proprio mentre Bridget, con il cuore a pezzi, decide di partire per la francia con i suoi due inseparabili amici, Mark torna da lei per stringerla in un romanticissimo lieto fine.

Piaciuto l'articolo? Fallo conoscere a tutti:

  • Facebook
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Print
  • Twitter
  • Yahoo! Buzz
  • Digg
  • StumbleUpon

Potrebbe piacerti anche Altri autori

E tu che ne pensi?

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Giudizio Generale:
This site uses cookies. Find out more about this site’s cookies.