Il Grande Gatsby (film)

0 1

Il Grande Gatsby rappresenta il ritorno al cinema di Luhrmann, il regista di capolavori come Mouline Rouge e Romeo+Juliet. Questa volta Luhrmann ha scelto un testo letterario degli anni ’20 di difficile analisi e dalla natura e l’atmosfera ambigua.
Il film è stato definito un “tripudio barocco di immagini e suoni“. Delle musiche si sono occupati Jay-Z, uno dei più noti rapper contemporanei, e Florence and The Machine, con brani di Elvis Presley e degli U2.

La trama
La storia del film è ambientata nella New York del 1922, in un periodo in cui prevalgono delinquenza, musica jazz e scarsa moralità. Un aspirante scrittore, Nick Carraway è in cerca di realizzare il suo grande sogno. Jay Gatsby, un milionario che ama organizzare feste è il suo vicino di casa. Frequentandolo Nick entra nel mondo dei ricchi, con tutti i suoi pro e i suoi contro, diventando involontario testimone di racconti di sogni incorruttibili, amori assurdi e tragedie molto drammatiche. Ma l’amicizia di Jay Gatsby non è disinteressata, e la sua presenza nella zona non è casuale. Lui è innamorato di Daisy, cugina di Nick e sposata con il nobile Tom Buchanan.

Il cast

IL Cast del film è uno dei suoi punti forza. I protagonisti riescono a entrare nelle caratteristiche dei personaggi della storia, e in generale piacciono agli spettatori. L’attore più convincente è il protagonista, Leonardo DiCaprio.
Il cast è formato poi da: Carey Mulligan, Elizabeth Debicki ,Tobey Maguire, Isla Fisher, Joel Edgerton, Gemma Ward, Callan McAuliffe, Jacek Koman, Amitabh Bachchan, Jason Clarke, Jack Thompson, Daniel Newman.

Il film
Il film è ricco di scene grandiose, che però hanno rubato al testo originale di Fitzgerald la sua originale ambiguità.
La prima parte del film è piena di scenografie dallo sfarzo eccessivo e mantiene un ritmo audiovisivo che suscita quasi simpatia per i personaggi della festa. Ma il momento che da la prima vera emozione arriva con l’incontro tra Jay e l’amata Daisy, che concede un attimo di tregua al ritmo addensante della prima parte, lasciando spazio alle emozioni e ai sentimenti. La storia tra i due è l’unica parte dolce del film, che per il resto risulta abbastanza superficiale.
Il “Grande Gatsby” di Luhrmann ha aperto il 66simo Festival di Cannes, ma il film in generale non ha rapito i cuori degli spettatori e a dirla tutta nemmeno della critica.
Un’altra nota positiva del film, oltre il cast, è senz’altro il finale, che al contrario dell’inizio risulta interessante e coinvolgente.

Piaciuto l'articolo? Fallo conoscere a tutti:

  • Facebook
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Print
  • Twitter
  • Yahoo! Buzz
  • Digg
  • StumbleUpon

Potrebbe piacerti anche Altri autori

E tu che ne pensi?

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Giudizio Generale:
This site uses cookies. Find out more about this site’s cookies.