IL LANGUORINO 13: Orzo con peperonata e pesto

0 1

Che bello ! Malgrado non faccia ancora caldo, purtroppo neanche tiepido, incominciano a comparire sui banchetti del mercato ortaggi e verdure meno invernali, dai colori estivi ed aromi deliziosi.
In occasione di una bella festa di compleanno di una mia amica ho preparato un primo piatto che mi sembra aver incontrato l’apprezzamento dei commensali.
Dovete procurarvi i seguenti ingredienti: peperoni (ne avevo presi 8 quadrati e gialli), un paio di piccole cipolle, una patata.

Dopo aver lavato tutti questi ingredienti, li tagliate a pezzettoni e li mettete in una padella con un pochino d’olio, una manciata di sale fino, mezzo bicchiere di acqua, e lasciate cuocere il tutto a fuoco lento, fino a che i peperoni hanno raggiunto una profonda cottura, l’acqua si è consumata, lasciando però un liquido di consistenza ed aspetto cremoso.
Altri ingredienti che vi servono un bel mazzo di basilico, aglio, pecorino grattugiato. Lavate delicatamente il basilico, dopo aver staccato le foglie, e tritatelo insieme ad uno spicchio di aglio; mettete il tutto in una ciotolina, un pizzico di sale, un cucchiaio di pecorino, ricoprite di olio, mescolando delicatamente. (Volendo, ma penso di non doverlo neanche dire, al supermercato si trovano dei meravigliosi pesti già pronti, con o senza aglio, con o senza formaggio, insomma per tutti i gusti e le tasche).
A questo punto prendete un sacchetto di orzo, e cuocetene la dose che vi serve (calcolate circa 80 grammi a persona).
Terminata la cottura al dente, scolatelo e passatelo sotto acqua fredda.

Condite con la peperonata, il pesto ed un barattolino di capperi sotto aceto (scolati e sciacquati).
E’ buono sia servito come piatto freddo che caldo (in questo caso va passato al forno ricoprendolo ancora di fiocchetti di burro e pane grattugiato). Buon appetito !

Piaciuto l'articolo? Fallo conoscere a tutti:

  • Facebook
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Print
  • Twitter
  • Yahoo! Buzz
  • Digg
  • StumbleUpon

Potrebbe piacerti anche Altri autori

E tu che ne pensi?

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Giudizio Generale:
This site uses cookies. Find out more about this site’s cookies.