IL LANGUORINO 5: torta di frutta della Nonna Graziella

0 5

Questa ricetta era il cavallo di battaglia della nonna Graziella, quando andavano a trovarla i suoi amati nipotini e li voleva coccolare con una merenda sana e molto buona !
Si può fare con qualsiasi frutta, mista o monofrutta, naturalmente è preferibile quella di stagione, e la frutta estiva succosa e dolce rende veramente molto ma molto gradevole la resa di questa torta (personalmente mi piace moltissimo alle albicocche).
I nipotini di nonna Graziella amavano molto la versione solo di banane o solo di fragole.

Ma veniamo al dunque…
Gli ingredienti sono i seguenti:
600 gr frutta pulita
7 cucchiai di farina

7 cucchiai di zucchero
60 gr di burro
1 bustina di lievito
Preparazione:
Lavare, sbucciare e tagliare a tocchettini la frutta.
Mettere in una ciotola profonda la dadolata di frutta, aggiungere i sette cucchiai di farina ed i sette di zucchero.
Iniziare a mescolare delicatamente in modo da creare una certa omogeneità di impasto morbido fluido.
Far sciogliere il burro ed aggiungerlo, versando anche il lievito.
Mescolare a lungo, fino ad ottenere un insieme di frutta avvolto da una crema uniforme.
Versare in una teglia (rotonda o rettangolare a piacere, secondo il gusto estetico personale) ricoperta di carta da forno, cuocere a 180 gradi per 40 minuti. Servire tiepida ricoperta di zucchero a velo !
Ottima accompagnata da te, da spremuta, da liquori, da spumante !
Buon appetito !!
ps il profumo dolce e delizioso, che si spargerà per la casa dopo la cottura sarà un benvenuto, una premessa, una nota ancora più positiva per rendere gli incontri sia di grandi che di piccini, sia formali che informali, sia di festa che di quotidianità , una cosa molto bella !

Piaciuto l'articolo? Fallo conoscere a tutti:

  • Facebook
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Print
  • Twitter
  • Yahoo! Buzz
  • Digg
  • StumbleUpon

Potrebbe piacerti anche Altri autori

E tu che ne pensi?

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Giudizio Generale:
This site uses cookies. Find out more about this site’s cookies.