IL LANGUORINO 6: la pulenta la cuntenta !

0 2

Oggi nostro pranzo passa attraverso un “sacchetto di polenta integrale, macinata a pietra del Mulin d’la Sareja di Cerea-Netro in provincia di Biella….una vera bonta !
In questo periodo lungo e faticoso di crisi economica vanno riscoperte quelle modeste risorse che però nella loro essenza ci permettono di valorizzare la ns quotidianità perché intrise di significati e ricchezze …..
Come dice il proverbio comasco “la pulenta la cuntenta” ovverossia è un alimento che sazia velocemente, quindi fa’ passare in fretta la fame, nutre, rasserena !

Per cucinare la polenta, bisogna dedicarci attenzione e tempo, con pazienza e costanza, accompagnando la sua lenta cottura, girando e rigirando il cucchiaione di legno….
E’ un piatto da mangiare in compagnia, con amici e parenti, e può soddisfare tutti i gusti, potendosi condire con latte, formaggio, sugo rosso, ragù, uovo fritto…
Noi oggi la mangeremo insieme allo spallotto di Coggiola, un altro tocco di tradizione della cucina semplice e tradizionale, gustosissimo, tantè che ha acquisito il marchio d.o.p., essendo eccellenza slow food.
Un altro detto ci informa che “dopo la polenta l’acqua basta !” e cioè la polenta va accompagnata da un buon bicchiere di vino o di birra…qui ho qualche dubbio ancora su cosa portare a tavola, dibattendomi fra un dolcetto d’Alba oppure una birra Menabrea rossa (un esclusiva natalazia, di cui ne abbiamo ancora qualche bottiglia)….diciamolo un dilemma per nulla stressante, anzi !

Auguro con l’occasione un buon pranzo a tutti, sperando lo possiate vivere con semplicità, contentezza, attenzione, tempo, pazienza, ma soprattutto circondati da affetti !

Piaciuto l'articolo? Fallo conoscere a tutti:

  • Facebook
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Print
  • Twitter
  • Yahoo! Buzz
  • Digg
  • StumbleUpon

Potrebbe piacerti anche Altri autori

E tu che ne pensi?

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Giudizio Generale:
This site uses cookies. Find out more about this site’s cookies.