Il profumo delle foglie di limone, Clara Sanchez (libro)

0 3

“Il profumo delle foglie di limone” è il titolo di un libro di Clara Sanchez. È stato pubblicato in questo primo scorcio del 2011 da Garzanti libri ed è un testo rilegato di 360 pagine. La traduzione è stata curata da Enrica Budetta. L’ho trovato in vendita fra i migliori libri di narrativa contemporanea sulla piattaforma italiana di Amazon e ad un prezzo di 12,46 euro. Innanzi tutto, trovo intrigante il titolo di questo libro, così sensuale e gradevole, da nascondere chissà quale contenuto e verità al suo interno. In secondo luogo, si tratta pur sempre di una pubblicazione editoriale capace di vincere il premio più prestigioso della letteratura spagnola, il paese della sua autrice. Ma ci cosa parla? Innanzi tutto è ambientato nel suggestivo paesaggio della Costa Bianca e in un contesto stagionale molto intrigante, come lo è il caldo settembre di un’estate che non vuole abdicare e che presenta il profumato volto di un’aria intrisa di odore di limoni. Questo contesto atmosferico mi ha attratto non poco, come approccio alla scoperta di questo intrigante libro. Anche perché, in fin dei conti, contrasta molto con l’introduzione del personaggio di Sandra. Lei è una donna in crisi, che vero la sua soglia di maturità sente di essere inadeguata. Infatti, non solo non ha un lavoro, ma non va d’accordo nemmeno con i suoi genitori. E, soprattutto, aspetta un bambino da un uomo nei confronti dei quali i suoi sentimenti non sono poi affatto così certi come lo dovrebbero essere. Che situazione disgraziata! Lei non vede vie possibili di fuga e la situazione si presenta fin troppo grigia per i miei gusti. Poi, incontra i gentili e simpatici Fredrik e Karin Christensen, una coppia di vecchietti di origine tedesca, che sembrano ricalcare lo stereotipo della coppia dei nonni ideali. Il rapporto fra di loro si approfondisce sotto il segno dell’amicizia e dell’accoglienza, nel segno dell’opulenza della vita di questa coppia anziana che nasconde però un segreto inconfessabile. Sono dei criminali nazisti, che si sono rifatti una vista in terra di Spagna, ma che Julian non ha dimenticato, per tutto quello che sono stati capaci di compiere. Così, cerca di persuadere Sandra ad aiutarlo ad incastrarli, in modo che possa essere fatta giustizia, in qualche modo e per quello che è possibile. Ci riuscirà? Chi leggerà, lo saprà. Per quanto mi riguarda, devo dire che questo libro è molto bello ed appassionante, nonostante la vicenda sia tutt’altro che lusinghiera e leggera nel suo insieme. A me è piaciuta tanto, innanzi tutto, l’ambientazione del testo. Poi, trovo molto interessante il modo con cui è costruita la storia, per non parlare poi della caratterizzazione dei personaggi. Certo, avrei preferito una solare vicenda di carattere ispanico, ma il contrasto fra un’apparenza da sogno e una realtà agghiacciante non è comunque affatto male. Tra le altre cose, è una di quelle storie che mi hanno molto colpito sul fronte interiore e che non mi dimentico facilmente. Il testo si presenta inoltre come uno spunto di riflessione profondo. Per questi motivi, credo che si tratti di un ottimo libro e lo consiglio volentieri. E’ uno di quei testi che, a ragion veduta, merita di essere letto.

Piaciuto l'articolo? Fallo conoscere a tutti:

  • Facebook
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Print
  • Twitter
  • Yahoo! Buzz
  • Digg
  • StumbleUpon

Potrebbe piacerti anche Altri autori

E tu che ne pensi?

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Giudizio Generale:
This site uses cookies. Find out more about this site’s cookies.