Inter (calcio)

0 1

Ci sono persone capaci di rendere uno sport una professione, ce ne sono altre che rendono uno sport grande, oggi parliamo di grandi eroi del campo da calcio della Milano neroazzurra.
Nel 9 marzo 1908 nasce la Football Club Internazionale Milano S.p.a., detta Inter, o per i suoi colori la squadra dei neroazzurri, una squadra di calcio che diverrà grande nel tempo, ma chi ha fatto la storia di questo club?
Tra i calciatori italiani che hanno fatto grande l’inter troviamo sicuramente Giuseppe Meazza, vero e proprio giocatore simbolo degli anni venti e trenta, considerato da molti esperti uno dei più grande giocatori italiani di tutti i tempi, Campione del Mondo con la Nazionale italiana nel 1934 e nel 1938 . Conclusa la carriere da calciatore Meazza cominciò la carriera da allenatore che non ebbe però lo stesso straordinario percorso. Alla sua morte gli venne persino dedicato in nome dello stadio di San Siro l’attuale stadio di Milan e Inter.

Se vogliamo poi parlare di leggende neroazzurre nella Trevigliese (una squadra di paese) venne scoperto un attaccante di nome Giacinto Facchetti che approdò all’Inter per il finale di stagione 1960-1961. Lo staff riconobbe subito le doti di quel ragazzo cambiandolo di ruolo e trasformandolo nel piú grande terzino interista.
Facchetti cuci i suoi principi calcistici nella correttezza e nel rispetto, pensate infatti che venne espulso soltanto una volta in tutta la sua carriere. Una carriera immensa, Coppa dei Campioni (63/64-64/65) il campionato Italiano per ben quattro volte (62/63-64/65- 65/66-70/71). Protagonista della “Grande Inter” in 634 partite realizzò 75 gol e fu (65/66) il primo difensore italiano a realizzare dieci reti in un campionato.
Accanto a Facchetti nella “Grande Inter” da ricordare Sandro Mazzola e Mario Corso che fanno parte di annate indimenticabili per i tifosi.
Negli anni ottanta si distinsero Alessandro Altobelli uno dei bomber più prolifici della storia interista e Walter Zenga nominato per tre volte “Miglior portiere dell’anno” dall’IFFHS.

Nella storia interista bisogna fare anche il nome di Giuseppe Bergomi primatista di presenze con 758 in maglia nerazzurra e 96 nella Coppa UEFA. Riconosciuto anche lui per lo stile corretto e rispettoso.
Tra i tanti stranieri che hanno militato con questa maglia il nome più altisonante è sicuramente quello del brasiliano Ronaldo, detto il “fenomeno”, sfortunato protagonista di un periodo nero nella storia del club per la mancanza di trofei, ma assoluto protagonista nel campo per il suo immenso talento. Il fenomeno pur non vincendo con l’Inter viene ricordato con grande affetto dai tifosi.
Attuale capitano e bandiera dell’Inter l’argentino Javier Zanetti, che ricorda molto per ruolo e serietà Facchetti. Con Javier l’Inter è riuscita a fare quello che nessun altro club italiano aveva fatto prima, “La Tripleta” vincere il Campionato, Champions, coppa Italia nella stessa stagione.
A distanza di anni questi giocatori verranno ricordati per le loro gesta calcistiche perché hanno reso grande il loro club, l’Internazionale. Grazie.

Piaciuto l'articolo? Fallo conoscere a tutti:

  • Facebook
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Print
  • Twitter
  • Yahoo! Buzz
  • Digg
  • StumbleUpon

Potrebbe piacerti anche Altri autori

E tu che ne pensi?

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Giudizio Generale:
This site uses cookies. Find out more about this site’s cookies.