J. Edgar (Film biografico, drammatico)

0 4

“J. Edgar” è un film statunitense per la regia di Clint Eastwood, che uscirà nelle sale italiane agli inizi del 2012 e vede, fra gli interpreti, Leonardo Di Caprio, Naomi Watts, Josh Lucas, Judi Dench.
Si tratta di una pellicola biografica che ruota intorno alla vita di J. Edgar Hoover, un uomo molto discusso in America, tra i fondatori dell’ FBI.
Il film è incentrato sulla sua carriera, all’interno dell’FBI, ma anche sulla sua vita privata, compresa la sua presunta omosessualità della quale si cominciò a parlare intorno agli anni “40 e che vide coinvolto anche Clyde Tolson, direttore associato dell’FBI e con il quale Hoover collaborò per molti anni.

Senza dubbio si tratta di un film che affronta un delicato argomento, approfondendo e rendendo pubblica la vita di un uomo che ha attraversato ben 50 anni di storia americana, vedendo succedersi otto Presidenti e determinando l’evoluzione moderna dell’FBI. A lui, infatti, si deve l’introduzione di una serie di innovazioni all’interno dell’Accademia, per l’addestramento speciale degli agenti. Del resto Hoover visse in un periodo piuttosto complesso per gli Sati Uniti, dovendo fronteggiare negli anni “20, l’ascesa di gangster sanguinari come John Dillinger. Non solo. Non bisogna dimenticare anche i suoi accurati lavori di Intelligence per il controllo di gruppi potenzialmente pericolosi per l’America, come il Ku Klux Klan, il Partito Comunista e le Pantere Nere oppure il suo ruolo nell’ambito della Guerra del Vietnam o nell’assassinio di Kennedy.

Il film affronta, quindi un lungo periodo della storia americana visto e vissuto attraverso questa determinate figura. Per la prima volta insieme, Clint Eastwood e Leonardo di Caprio sono impegnati in un progetto ambizioso e “pericoloso” proprio per la particolarità del soggetto e per le ripercussioni sulla critica e sul pubblico che il film potrebbe avere. Del resto Eastwood si è impegnato non solo nella descrizione della vita pubblica di Hoover, ma soprattutto di quella privata. Pare infatti che egli fosse omosessuale ed abituato ai travestimenti, cosa che Di Caprio si è detto pronto a fare per rimanere il più possibile fedele al copione ed alla storia.
In un certo senso si tratta di una storia d’amore, nella quale viene raccontata la drammaticità di una situazione ambigua, in un epoca in cui l’omosessualità non era tollerata, soprattutto nella vita di un uomo potente ed in vista come è stato Edgar Hoover. Emerge in pieno la dualità del personaggio, potente e temuto per il suo lavoro, frustato ed infelice nel privato per essere stato costretto a tacere una relazione fondamentale per la sua esistenza.

E’ probabile che per questa interpretazione Leonardo Di Caprio venga candidato all’Oscar.
Non ci resta, quindi, che attendere i primi di gennaio 2012 per valutare l’ultimo lavoro di Clint Eastwood.

Piaciuto l'articolo? Fallo conoscere a tutti:

  • Facebook
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Print
  • Twitter
  • Yahoo! Buzz
  • Digg
  • StumbleUpon

Potrebbe piacerti anche Altri autori

E tu che ne pensi?

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Giudizio Generale:
This site uses cookies. Find out more about this site’s cookies.