Laura Pausini (cantante)

0 3

Primavera in anticipo è il dodicesimo disco ufficiale di Laura Pausini, l’ottavo di inediti. La versione italiana dell’album è stata pubblicata il 14 novembre del 2008, tre giorni dopo quella spagnola, la cui pubblicazione (col nome Primavera anticipada) è avvenuta l’11 novembre, e che in seguito ha vinto, ai Latin Grammy Award 2009, il premio di Miglior album pop femminile. Il disco è stato promosso nel corso di un lunghissimo tour, intitolato World Tour 2009, che ha coinvolto, oltre all’Italia, molti Stati dell’Europa, del Sud America e del Nord America. L’uscita dell’album è stata preceduta dal singolo Invece no, entrato in rotazione radiofonica il 24 ottobre 2008 (ma disponibile sul sito del Corriere della Sera già due giorni prima). Primavera anticipata comprende quattordici brani inediti, tra i quali Primavera in anticipo (It is my song) sia in versione da solista si duettata con James Blunt, cantante inglese. Laura Pausini è co-autrice di tutte le canzoni tranne Prima che esci, scritta da Gianluca Grignani, insieme con Paolo Carta, Niccolò Agliardi, Cheope, Federica Camba, Antonio Galbiati, James Blunt, Daniele Coro e Daniel Vuletic. Prodotto dalla stessa Pausini, il disco è uscito in tutto in quarantasette Paesi, ed è stato giudicato da molti critici come il più intimo e maturo nella carriera dell’artista romagnola, la quale, a sua volta, l’ha definito complesso. Lo stile musicale si rifà alla tradizione della melodia nostrana, che ha fatto da filo conduttore in tutto il percorso artistico della cantante, ad eccezione della ballata rockeggiante Prima che esci. Per quanto riguarda le tematiche affrontate, su tutti spiccano i brani d’amore quali Primavera in anticipo, Mille braccia, Un fatto ovvio, Ogni colore al cielo. Inoltre, la Pausini si presenta in versione sexy in Bellissimo così, dove racconta di una passione sensuale. È una Pausini che nel ruolo di compositrice si trova sempre di più a proprio agio, dunque, e allo stesso tempo in grado di padroneggiare una tra le voci più riconoscibili del panorama pop internazionale. E tuttavia, riesce ancora a risultare una sorpresa in virtù della forza con cui riesce ad entrare in contatto con l’ascoltatore, rivelando i suoi tormenti più profondi, come accade, per esempio, in Invece no, scritto con Agliardi, dedicato a chi non ha avuto possibilità, voglia o tempo di dire qualcosa, o ancora come succede nell’amara constatazione di Il mio beneficio. Sono comunque differenti gli stati d’animo che colorano l’album, dalla positività di Mille braccia all’inedita atmosfera di Sorella terra. E ancora, una disarmante confessione d’amore in Un fatto ovvio anticipa l’amarezza e la sofferenza di Prima che esci. Insomma, l’album ritrae gli ultimi tre anni della Pausini, amata in tutto il mondo per la sincerità contagiosa e la ricchezza artistica che caratterizza i suoi dischi (più di 40 milioni di copie vendute).

Piaciuto l'articolo? Fallo conoscere a tutti:

  • Facebook
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Print
  • Twitter
  • Yahoo! Buzz
  • Digg
  • StumbleUpon

Potrebbe piacerti anche Altri autori

E tu che ne pensi?

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Giudizio Generale:
This site uses cookies. Find out more about this site’s cookies.