L’isola del tesoro di Robert Louis Stevenson (libro)

0 28

Robert Louis Stevenson
L’isola del tesoro
Pagine 284

Edito da Feltrinelli
Prezzo euro 7,50

L’isola del tesoro e’ sicuramente un classico per ragazzi, un romanzo d’avventura che ha per tematica generale i pirati, e piu’ nello specifico il tema del viaggio e quella della metafora del viaggio, ovvero la crescita del protagonista e la transizione dall’adolescenza all’eta’ adulta.

La storia e’ ambiantata nel 1700 e si svolge nell’arco di tempo di sei mesi circa.
Il narratore principale e’ il protagonista, Jim Howkins, che si alterna pero’ per alcuni capitoli a un personaggio secondario, il dottor Livesey.
Jim Howkins è un ragazzo che vive con la sua famiglia e collabora alla gestione della locanda che prende il nome di Ammiraglio Benbow nella zona geografica di Bristol; un giorno alla locanda giunge il pirata Billy Bones, che porta con sè una cassa molto preziosa.
Qualche tempo dopo il pirata riceve un ultimnatum ad agire, un Sigillo Nero, ma la tensione della situazione lo colpisce nel suo punto debole e con la sua morte Jim riesce ad impadronirsi della cassa e quindi della preziosa mappa del tesoro.
Qui comincia la vera e propria avventura, Jim con la madre e poi col medico di famiglia, parte alla volta del misterioso tesoro del capitano Flint.
Per fare questo si procurano un’imbarcazione, la Hyspaniola, con un equipaggio reclutato in gran parte con la’iuto del cuoco di bordo.
Ma le insidie sono dietro l’angolo alcuni membri dell’equipaggio complottano contro il dottor Livesey per ottenere la mappa dell’isola del tesoro e poi estromettere chi non vuole unirsi al gruppo.
Dopo varie vicissitudini, Jim si ritrova ad essere preso come prigioniero e si salva per miracolo la vita, mentre i pirati che vanno alla ricerca del tesoro scoprono che il tesoro e’ stato gia’ trovato da altri e ne nasce una rivolta e i vari membri dell’equipaggio e i pirati si disperdono.
Jim e Long Jon (il cuoco) vengono cosi a sapere dove e’ custodito il tesoro, riescono a impossessarsene e fanno ritorno a casa.
Si tratta della classica trama da romanzo d’avventura, con capovolgimenti di fronte e intenzioni nascoste, ma con un messaggio ben evidente: sicuramente una pesante critica alla superficialita’ di chi rincorre i beni materiali, la ricchezza senza analizzare con intelligenza le situazioni per capire come comportarsi.
I personaggi sono ben caratterizzati e lo stile e’ piuttosto fluente nonostante questo romanzo sia stato scritto nella seconda meta’ del diciannovesimo secolo.
Un po’ ostica risulta la lettura a causa della eccessiva specificita’ di alcuni termini tipici del linguaggio marinaresco, che appesantiscono e rallentano talvolta la lettura.
Si tratta comunque di un romanzo famoso, un vero e proprio classico della letteratura per ragazzi che merita sicuramente di essere letto nel periodo della prima adolescenza, non prima perche’ la cospicua presenza di morti e immagini violente potrebbe essere un po’ impressionate per i piu’ piccoli.
Consigliato ai ragazzi che amano la lettura, in particolar modo ai maschi.

Piaciuto l'articolo? Fallo conoscere a tutti:

  • Facebook
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Print
  • Twitter
  • Yahoo! Buzz
  • Digg
  • StumbleUpon

Potrebbe piacerti anche Altri autori

E tu che ne pensi?

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Giudizio Generale:
This site uses cookies. Find out more about this site’s cookies.