Migliori elettrostimolatori in commercio (salute)

0 2

A distanza di ormai parecchi anni dall’uscita dei primi modelli mi sento di dire che non si può più etichettare gli elettrostimolatori come fossero una moda passeggera, bensì occorre ammettere che questi, efficaci o meno, costituiscono una realtà nel mondo del wellness.
Il funzionamento dell’ellettrostimolazione è assai semplice: attraverso una serie di elettrodi gli impulsi elettrici lanciati dall’apparecchio vanno a contrarre i muscoli prescelti, simulando di fatto quello che dovrebbe avvenire durante l’attività fisica. Il trattamento sicuramente non può essere efficace se non a determinati livelli di intensità e frequenza.
Dire quali siano i migliori elettrostimolatori in commercio in assoluto è praticamente impossibile, sarebbe come dire quale sia la migliore automobile in vendita, troppe sono le differenze, tecniche e di prezzo, tra un modello e l’altro.

Sicuramente tra i modelli di punta in assoluto non si può mancare di citare lo Stiwell, che permette una gestione serissima dei parametri e delle evoluzioni che ne conseguono, basta avere un pc e potrete monitorare tutto ciò che vorrete riguardante l’elettrostimolazione grazie a questo apparecchio, che oltretutto risulta completissimo in quanto a cura dei dettagli anche nella trasmissione delle onde (dispone di elettromiografo di superficie, ultrasuoni, ionoforesi e molto altro). Il prezzo è decisamente alto (siamo sui 7.000 €), ma per chi desidera il top di gamma questo gioiello di tecnologia austriaca può essere a dire poco stupefacente!
Per chi volesse qualcosa di un po’più economico ma comunque paragonabile al top di gamma esistono prodotti, anche italiani, come quelli prodotti da Medical House, che stanno raggiungendo la tecnologia dei più costosi rivali stranieri. Un altro ottimo marchio per l’elettrostimolazione, decisamente economico in rapporto alla qualità (con 300-900 € coprirete un’ampia gamma di modelli, dal più semplice Compex Fit al molto più completo Compex Mi Sport) e praticissimo per quanto riguarda il reperimento dei ricambi (con meno di 100 € potrete acquistare i pacchi forniti di 12 elettrodi per sostituire quelli usurati o non più performanti).
I modelli più economici (sono comunque molti) sono a mio avviso inadatti per chi volesse ottenere risultati effettivamente visibili, anche perché come qualsiasi apparecchiatura elettrica la differenza di prestazione varia sensibilmente in relazione alla potenza erogata ed alla qualità dei componenti che fungono da trasmissore, percui mi sento di poter affermare che l’elettrostimolatore è una di quelle apparecchiature per cui pagare di più può effettivamente significare ottenere un guadagno, sia pure indiretto, nel lungo periodo.
Lo svantaggio principale dell’elettrostimolazione è quello di dare risultati spesso non conformi alle aspettative (a volte francamente eccessive) che il consumatore ripone in questa pratica: sicuramente non potrete sperare in un miracolo nel caso non abbinaste all’utilizzo dell’elettrostimolatore un serio allenamento … attenzione al caso in cui abbiate delle patologie, il mio consiglio in quel caso è domandare a un medico se l’elettrostimolazione è per voi priva di controindicazioni o meno! Il vantaggio rimane quello di ottenere un minimo di compendio al vostro allenamento in maniera assolutamente passiva (quindi priva di sforzo), non è comunque cosa da sottovalutare!

Piaciuto l'articolo? Fallo conoscere a tutti:

  • Facebook
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Print
  • Twitter
  • Yahoo! Buzz
  • Digg
  • StumbleUpon

Potrebbe piacerti anche Altri autori

E tu che ne pensi?

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Giudizio Generale:
This site uses cookies. Find out more about this site’s cookies.