olio di ricino per riparare i capelli (opinione)

1 9

Autunno e primavere sono le stagioni peggiori per i nostri capelli.
Durante i mesi autunnali, la perdita è accentuata, in quello che viene volgarmente chiamato “periodo delle castagne”, in primavera invece i capelli si sfibrano arrivano all’estate, con sole, cloro ed acqua salata, sfibrati e privi di volume.
Quasi sempre la perdita di luminosità del capello, è dovuta all’apertura delle fibre, i capelli si “aprono”, spezzandosi e perdendo così la loro forma, questo rende impossibile persino ottenere una piega perfetta (con o senza l’aiuto del parrucchiere).

Esistono numerosi rimedi.
Le pubblicità, i magazine e gli esperti del settore, consigliano prodotti costosi e rinomati, anche se tra questi, non sempre è facile trovare quelli realmente efficaci.
In natura esistono molti rimedi per combattere l’aridità dei capelli ed evitare che questi si spezzino o peggio che cadano.
Tra i metodi più efficaci troviamo l’utilizzo dell’olio di ricino.

Utilizzato comunemente per combattere i problemi inerenti allo stomaco, sembra che le sostanze in esso contenute non si trovino da nessun altra parte e che siano utili anche per risanare capelli, unghie e ciglia.
L’olio di ricino è un trigliceride dell’acido ricinoleico e quest’ultimo si è rivelato un vero e proprio antimicrobico, molto utile nel combattere virus ed infezioni.
Nonostante gli siano state riconosciute queste proprietà, l’olio di ricino è principalmente utilizzato nel settore industriale, piuttosto che in quello medico o farmaceutico.
Oltre che rinforzare il capello, l’olio di ricino dona alla nostra chioma, una particolare lucentezza sinonimo quasi sempre di forza e splendore dei capelli.
Un semplice impacco potrebbe essere così applicato:
– spalmato dalla radice fino alle punte, anche con dei batuffoli di cotone.
– Tenuto in posa per almeno sessanta minuti.
– Risciacquato e lavato via con shampoo. Questo passaggio è importantissimo, altrimenti i capelli rimarranno impastati e la nostra acconciatura somiglierà a quella di un rasta-boy con i dreadlock.
Non occorre applicare balsamo per capelli dopo lo shampoo in quanto, l’olio di ricino, ammorbidisce già a sufficienza i nostri capelli.
Potete provare anche un impacco di olio di ricino unito al tuorlo d’uovo.
Dopo aver impastato il tutto sui vostri capelli, avvolgete la chioma nella pellicola, lasciate in posa anche in questo caso un’ora circa e di tanto in tanto, scaldate la zona con un asciugacapelli (fin quando il vostro braccio non sarà stanco).
Il risultato questa volta sarà addirittura sorprendente.
Mi raccomando, ricordate di sciacquare e lavare i capelli con molta cura, l’uovo e l’olio di ricino, non emanano un’ottimo odore.
In conclusione possiamo affermare che, l’olio di ricino sia un’ottima, naturale e soprattutto economica soluzione per la cura e la salute dei nostri capelli, specialmente nei periodi di forte stress.

Piaciuto l'articolo? Fallo conoscere a tutti:

  • Facebook
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Print
  • Twitter
  • Yahoo! Buzz
  • Digg
  • StumbleUpon

Potrebbe piacerti anche Altri autori

1 Commento

  1. annamaria dice

    adesso provo poi vi faccio sapere

E tu che ne pensi?

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Giudizio Generale:
This site uses cookies. Find out more about this site’s cookies.