Opinione Mercedes classe C 2014

0 3

Presentata nello scorso mese di gennaio al Salone di Detroit, la nuova Mercedes Classe C, si è subito imposta come una della maggiori novità dell’anno. Ed è soprattutto radicalmente cambiata rispetto alla precedente versione, con un lavoro da parte della casa tedesca che ha riguardato la riduzione del peso, l’aerodinamica, la disponibilità dei motori, gli interni. Una vera sfida per cercare di conquistare ancora più estimatori nel settore delle berline medie.

La famiglia della Mercedes classe C presenta 8 modelli a benzina con 4 allestimenti e 2 motorizzazioni, e ben 16 modelli diesel con 3 motorizzazioni. Una varietà di opzioni che può soddisfare un ampio range di clientela, con i prezzi che vanno da 35.664 euro a 44.570 euro per quanto riguarda i modelli a benzina e da 32.553 euro a 48.210 euro per quanto riguarda i diesel. Il tutto non tenendo conto della grande serie di optional che la casa della stella mette a disposizione dei suoi clienti. Secondo le indiscrezioni trapelate la nuova classe C, avrà ben presto anche una versione “ibrida”.

A Detroit la Mercedes classe C è stata presentata in versione berlina, e sarà poi seguita dalla station wagon, che sembrava potesse arrivare già a Ginevra, dove c’è stato il debutto europeo, ma è stata invece rinviata. Un grande lavoro è stato fatto sul versante del peso, diminuito di circa 100 chilogrammi, utilizzando materiali più leggeri, anche a fronte di un aumento delle dimensioni. La maggior parte della riduzione è avvenuta nel telaio, che ora ha un impiego di alluminio pari al 50%. I 10 cm di aumento della lunghezza sono stati destinati quasi esclusivamente a migliorare l’abitabilità interna della vettura, con il passo allungato di 8 cm.

Eccellente il lavoro di rinnovamento stilistico ad iniziare dall’aerodinamica, che è stata affinata, tanto che ora la classe C ha il più basso Cx del suo segmento, che è pari a 0,24. Molti elementi, sia stilistici che di tecnologia provengono dalla classe S e dalla classe E. I cinque motori disponibili hanno tutti di serie il sistema ” Start & Stop ” e sono in regola con le normative Euro 6. Per quanto riguarda le motorizzazioni a benzina si parte dal 1.6 destinato alle C180, che dispone di 156 cavalli, ed il 2.0 che ne fornisce 184. Per il futuro sono previsti in arrivo anche un motore a 6 cilindri che svilupperà una potenza di 333 cavalli ed un quattro cilindri sovralimentato con 238 cavalli. Passando alle motorizzazioni diesel, si parte dal 4 cilindri da 1.6 con 116 cavalli, montato sulla C180 BlueTec, per passare allo stesso motore con potenza aumentata a 136 cavalli che equipaggia la C200 BlueTec, ed arrivare al top di gamma con i 170 cavalli garantiti dal 2.1 della C220 BlueTec; tutti motori sovralimentati. Anche per il diesel non mancherà l’ampliamento con l’arrivo previsto del 2.2 che porterà la potenza massima al limite dei 204 cavalli. Parlando di meccani cani non si può dimenticare che il cambio manuale a 6 rapporti è stato completamente ridisegnato, mentre per la versione automatica viene utilizzato quello a 7 marce con doppia frizione, già ampiamente collaudato su altri modelli della casa tedesca.

Importante anche il lavoro effettuato sulle sospensioni con la possibilità di selezionare tre modalità di guida. Interni e dotazioni di sicurezza sono da vettura di classe superiore, e riprendono molte soluzioni della classe S. Il design è moderno ed essenziale, con la plancia che mostra un touchscreen da 7 pollici, che nella versione con sistema ” Comand Online ” salgono ad 8,4. Nello stesso tempo i rivestimenti, il volante ed altri accessori conferiscono alla nuova classe C una maggiore sensazione di sportività. Per quanto riguarda la sicurezza, la classe C è fornita di serie di ” Attention Assist ” e ” Collision Prevention Assist “. Come optional è possibile avere il ” Distronic plus ” che prevede la gestione elettronica della ” guida in coda “. La Classe C propone 4 allestimenti ” Executive, Sport, Exclusive e Premium ” differenziati tra loro per quanto riguarda le dotazioni e gli accessori.

Piaciuto l'articolo? Fallo conoscere a tutti:

  • Facebook
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Print
  • Twitter
  • Yahoo! Buzz
  • Digg
  • StumbleUpon

Potrebbe piacerti anche Altri autori

E tu che ne pensi?

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Giudizio Generale:
This site uses cookies. Find out more about this site’s cookies.