Opinione personale crema anticellulite e snellente Biopoint

0 70

La crema anticellulite snellente Biopoint, è bianca, non è particolarmente densa, risulta morbida al tatto, con profumazione leggera, delicata; rispetto ad altri prodotti simili sembra di più facile assorbimento, non lascia alcuna traccia sulla parte trattata e neanche le mani rimangono appiccicose dopo il massaggio. Subito dopo l’applicazione si ha la sensazione di freschezza e di immediato effetto idratante.

A breve termine sembra raggiungere il risultato indicato sulla confezione: dopo una settimana di applicazioni, la pelle risulta effettivamente più liscia, ha un aspetto più tonico. Si riduce l’impressione dell’effetto buccia d’arancia.

I risultati a lungo termine dipendono da vari fattori: in primo luogo la costanza dell’applicazione: due volte al giorno, con massaggi circolari.

Ma soprattutto dal tipo di cellulite: efficace su cellulite giovane, non cronicizzata che trae benefici anche da poche settimane d’applicazione. Viene ridotto l’effetto buccia d’arancia, si ottiene un risultato snellente.
Più difficile raggiungere risultati su zone con cellulite presente da anni, dove per ottenere qualche risultato visibile bisogna cominciare l’applicazione mesi prima dell’estate, anzi a parer mio deve essere utilizzata con cicli di due mesi, intervallati da brevi intervalli, per tutto l’anno.

In questi casi inoltre la crema deve essere considerata uno dei fattori d’intervento: deve essere affiancata da esercizio fisico e da una dieta adeguata.
Un aspetto secondario, ma che ha una sua utilità, è la comoda confezione con dispenser, che eroga la quantità adatta di crema evitando sprechi. Il prezzo non è eccessivo; inoltre sono in corso campagne promozionali che regalano campioni omaggio abbinati all’acquisto di riviste femminili.

Leggendo la lista degli ingredienti (Inci) la crema risulta composta da elementi riconosciuti molto efficaci per combattere gli inestetismi della cellulite: la carnitina e la caffeina servono per drenare i liquidi stagnanti. Il lotus marino invece aiuta a degradare i grassi. L’escina è una molecola estratta dall’ippocastano che è impiegata come componente principali in farmaci vasoprotettori; agisce sulla circolazione superficiale, chiamata anche micro circolo, contrastando la ritenzione di liquidi. La kigelia africana è un elemento ricco di proprietà benefiche, utilizzato da sempre nella medicina popolare, considerato magico dagli sciamani; in questo caso è utilizzato per i bioflavonoidi e la ruscogenina, con potere rassodante ed elasticizzante. Per migliorare l’aspetto della pelle sono state introdotte proteine della soia ed estratto di guaranà.
Inoltre non sono presenti parabeni, alcool o coloranti. Il nikel si trova in bassissima percentuale, molto al di sotto della soglia considerata allergenica.

Piaciuto l'articolo? Fallo conoscere a tutti:

  • Facebook
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Print
  • Twitter
  • Yahoo! Buzz
  • Digg
  • StumbleUpon

Potrebbe piacerti anche Altri autori

E tu che ne pensi?

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Giudizio Generale:
This site uses cookies. Find out more about this site’s cookies.