Opinione personale “la ragazza del treno” (libro)

0 2

La ragazza del treno rappresenta l’esordio come scrittrice della famosa giornalista Paula Hawkins. Il volume, soffermandosi sulla storia di una donna tradita, fa riflettere sulle condizioni umane, e sull’eterno gioco amore-tradimento, presente in molti rapporti di coppia.

La protagonista è Rachel, la sua vita è stata sconvolta dal tradimento del marito che amava perdutamente, l’infedeltà coniugale viene vissuta come il fallimento della sua vita, fallimento che la farà scivolare in problemi di depressione e di alcolismo.

Ed è proprio l’alcolismo che mette la parola fine al suo rapporto lavorativo. La donna già al limite non accetta il licenziamento, e vuoi per ritrovare un equilibrio interiore, vuoi per non dare giustificazioni alla coinquilina (con la quale è costretta ad abitare per problemi economici) non abbandona il tran tran quotidiano.

Rachel continua a prendere il treno che la portava al lavoro, la sua vita da pendolare continua imperterrita e la donna si rifugia nel breve viaggio da Ashbury a Londra. Durante quei pochi chilometri che ogni mattina percorre, cerca conforto nella vita delle altre persone, che scruta fugacemente dal finestrino.

Inizia a conoscere le abitudini delle persone sconosciute con cui incrocia gli sguardi, impara a vivere le emozioni altrui, e si rifugia in favole, che poi favole non sono.

Le mattinate passano lente, e la donna si concentra su una coppia che nella sua mente identifica come Jess e Jason, le loro coccole diventano quelle che lei desiderava dal marito infedele, la loro vita diventa la sua, la loro presunta felicità gli fornisce l’unico attimo di conforto della giornata.

La storia continua tra alti e bassi, e termina con un finale degno del miglior giallo americano.

Personalmente credo che il volume proceda sulla falsa riga, a volte un po’ scontata, di alcuni gialli già visti in libreria. La trama però appassiona e la scrittura veloce fa della “ragazza del treno” un buon romanzo.

Il libro però colpisce nel segno sotto il punto emozionale. Paula Hawkins tratteggia sensazioni comuni a molte persone, e la lettura del volume trasmette delle riflessioni interiori sulla vita, che a volte sembra riservare delle amare sorprese.

Piaciuto l'articolo? Fallo conoscere a tutti:

  • Facebook
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Print
  • Twitter
  • Yahoo! Buzz
  • Digg
  • StumbleUpon

Potrebbe piacerti anche Altri autori

E tu che ne pensi?

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Giudizio Generale:
This site uses cookies. Find out more about this site’s cookies.