Opinione personale nuova BMW X1

2

Non passa certo inosservata la nuova BMW X1.

Le forme, morbide e imponenti allo stesso tempo si addicono a quello che nasce come SUV e risultano maggiorate rispetto alle versioni precedenti. L’altezza, appena superiore ai 160cm, anche essa aumentata rispetto al passato, fa in modo che l’interno risulti più comodo ma soprattutto migliora quella che è la visibilità della strada, dando anche una sensazione di maggior controllo su ciò che ci circonda.

Buone notizie arrivano per quanto riguarda i consumi nominali che si aggirano dai 4l fino ad un massimo di 5l circa consumati per ogni 100km percorsi a seconda delle versioni; siamo comunque intorno ai 20/25 km per litro, che per un SUV è sicuramente un ottimo risultato.

Il cambio a 8 marce fa in modo da poter avere la vettura sotto controllo in ogni situazione, modulando quindi lo stile di guida in base al tipo di marcia, a supporto di un’auto che già di base ha un’ottima tenuta di strada, ricordandoci che nella versione più potente raggiunge velocità oltre i 200km/h.

Molti sono gli optional che si possono scegliere, tenendo presente che già la versione base risulta abbastanza completa: il sistema iDrive con uno schermo da 6,5 pollici, che può diventare fino a 8,8 pollici, risulta comodissimo soprattutto grazie al fatto che tramite il Touch Controller è possibile fare tutto con una sola mano; l’impianto audio prevede sette casse di serie aumentabili fino a dodici mentre la funzione Stop&Go, oramai sempre più diffusa in tutti i tipi di veicoli, aiuta a limitare i consumi e a ridurre le emissioni; la videocamera per aiutare le manovre in retromarcia e tutta una serie di sensori che rendono la guida un’esperienza proiettata nella semplicità; possibilità di scegliere tra trazione anteriore o trazione integrale. Nonostante sia la versione più piccola della serie X non bisogna pensare che ci sia poco spazio, basti pensare che oltre ai 5 posti comodi c’è anche un bagagliaio di oltre 500 litri, decisamente più grande rispetto alla passata versione.

Tasto dolente è il prezzo, che parte da più di 30.000€, probabilmente troppo alto e non alla portata di tutti; sicuramente una buona macchina, ma viene da chiedersi se in parte non si stia pagando semplicemente il marchio.

Piaciuto l'articolo? Fallo conoscere a tutti:

  • Facebook
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Print
  • Twitter
  • Yahoo! Buzz
  • Digg
  • StumbleUpon

Potrebbe piacerti anche Altri autori

I commenti sono chiusi, ma riferimenti e pingbacks sono aperti.

This site uses cookies. Find out more about this site’s cookies.