Opinione personale Rosite – Mulino Bianco

0 7

Rosita, la gallina tanto cara ad Antonio Banderas, è entrata ufficialmente a casa mia grazie ad una edizione limitata di frollini usciti in occasione dei 40 anni  del Mulino, chiamati proprio le “Rosite“.

Da sempre amante dei prodotti della Mulino Bianco appena ho saputo dell’esistenza di questi nuovi biscotti sono andata a cercarli e, a quanto ho avuto modo di leggere successivamente online, credo di essere stata una delle pochissime fortunate ad avere avuto la possibilità di assaggiarli! Capisco la strategia di marketing più volte attuata anche da altre case (ad esempio la Algida con i 7 Peccati Capitali della Magnum) utile a rendere il prodotto più desiderabile però la distribuzione è stata davvero ridotta al minimo tanto che per trovarle ho girato ben 3 supermercati ( limite massimo che mi ero auto imposta oltre il quale si cade nel ridicolo per cercare di assaggiare dei semplici frollini!!!)

Ho aspettato come tutte le mattine il rito della colazione per provarli…sembrerò pazza ma davanti ad un nuovo tipo di biscotti assomiglio ad una bambina il giorno di Natale… studio la busta, leggo i consigli stampati sul retro, i valori nutrizionali e la composizione dei biscotti. Con estrema attenzione taglio l’estremità superiore della confezione e con l’acquolina in bocca mi accingo ad annusare l’aroma che esce dalla busta appena aperta.

A prima vista il biscotto mi ha ricordato una via di mezzo tra le Tortorelle e i Galletti:si differenziano ovviamente sia perché al posto del gallo e delle tortore troviamo la nostra amica Rosita con il suo piccolo pulcino, sia perchè al posto delle piccole pepite di zucchero troviamo un sottile strato di glassa di zucchero che ricopre solo alcune parti del frollino così da non rischiare di essere troppo dolce, simile proprio alle Tortorelle.

Da vera golosa quale sono la busta di biscotti non dura più due giorni e ovviamente li ho provati in tutte le variabili possibili: al primo assaggio però meritano di essere mangiate in purezza cosi da poterne gustare la friabilità, la leggerezza, il sapore delicato e non eccessivamente dolce.

Sono ottimi anche nel latte freddo, nel tè e nel latte al cioccolato.
Sono talmente buoni che non smetteresti mai di mangiarli, peccato che la busta sia troppo piccola e che, alla fine del secondo pacco, il pensiero di imbarcarmi nuovamente nella ricerca pazza e disperata mi abbia fatto desistere dall’intento.

Particolarità vera delle Rosite è che nonostante siano un prodotto industriale sanno davvero di pasta frolla…Ovviamente paragonarli ad un prodotto di pasticceria o da forno è un azzardo perché ahimè i biscotti della Mulino Bianco hanno sempre un leggero retrogusto che li rende simili tra loro, però rispetto a tanti altri tipi li trovo decisamente superiori.

Sono pochi i difetti che ho trovato a questi frollini anche se ovviamente i gusti sono assolutamente soggettivi. Come già detto in precedenza, io le ho trovate buonissime, perfettamente equilibrate dal punto di vista della dolcezza e dalla consistenza, ottime da immergere nel latte o nel tè perché non si rompono andando a creare quella tremenda poltiglia in fondo alla tazza. Al contrario mio marito le ha trovate poco gustose, ciò che per me è indice di croccantezza per lui si traduce in durezza e il fatto che il biscotto non si ammorbidisca subito appena immerso nel latte ne determina per lui una totale disfatta! Insomma, gusti differenti riguardo alla consistenza ma assolutamente tutti d’accordo riguardo al sapore davvero ottimo. Penso che sia davvero un peccato che fossero in edizione limitata, io lascerei in produzione questi e magari toglierei dagli scaffali dei “classici” che sono decisamente inferiori per gusto e qualità.

Piaciuto l'articolo? Fallo conoscere a tutti:

  • Facebook
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Print
  • Twitter
  • Yahoo! Buzz
  • Digg
  • StumbleUpon

Potrebbe piacerti anche Altri autori

E tu che ne pensi?

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Giudizio Generale:
This site uses cookies. Find out more about this site’s cookies.