Opinione personale su Uncharted: L’eredità perduta

0 0

La prima cosa che viene da chiedersi quando si comincia a giocare ad Uncharted: L’eredità perduta è se possa ancora brillare senza il suo protagonista Nathan Drake. Fin da subito, però, la questione viene messa in chiaro: il gioco è avvincente al pari dei precedenti capitoli e un ottimo lavoro è stato compiuto per trasformare dei personaggi secondari in grandi protagonisti.

 

Uncharted L’Eredità Perduta: i protagonisti

Nadine Ross e Chloe Frazer sono le due eroine di questo capitolo.
Durante la saga le abbiamo già incontrate: Nadine alla fine di Uncharted 4 nei panni di una mercenaria, mentre Chloe nel secondo capitolo, e all’inizio del terzo, ha avuto dei momenti d’intesa proprio con Nathan Drake.
Antagonista in questa avventura una new entry: il malvagio e violento Asav.

Uncharted L’Eredità Perduta: la trama

In Uncharted L’Eredità Perduta le due protagoniste si trovano in India, alla ricerca del prezioso manufatto chiamato la Zanna di Ganesh. Ovviamente anche Asav lo sta cercando, e sul classico scontro tra buoni e cattivi, ideali di libertà contro sete di potere, si sviluppa tutta trama del gioco, con un occhio di riguardo a tutti quegli elementi che possono trasformare una caccia al tesoro in una vera e propria avventura adrenalinica.

Uncharted L’Eredità Perduta: gameplay

Il gameplay rispetto ai capitoli precedenti è sicuramente migliorato, ma senza troppi stravolgimenti.
La storia prosegue con la stessa linearità anche se sono state inserite ampie zone da esplorare in grado di far guadagnare bonus e tesori.

Uncharted L’Eredità Perduta: dialoghi

In Uncharted L’Eredità Perduta, come negli altri capitoli della saga, sono presenti ampie parentesi in cui le protagoniste si lasciano andare a lunghi dialoghi. Anche in questo caso sono state apportate notevoli migliorie che rendono i colloqui naturali e le esclamazioni perfettamente contestualizzate, rendendo ancora più unica tutta l’esperienza di gioco.

Piaciuto l'articolo? Fallo conoscere a tutti:

  • Facebook
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Print
  • Twitter
  • Yahoo! Buzz
  • Digg
  • StumbleUpon

Potrebbe piacerti anche Altri autori

E tu che ne pensi?

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Giudizio Generale:
This site uses cookies. Find out more about this site’s cookies.