Opinione personale sulla Opel Adam Black Jack

0 1

La Opel Adam è sicuramente una delle city car più interessanti degli ultimi tempi. Con questo modello, il marchio tedesco manifesta il suo desiderio di crescere ulteriormente. E la nuova versione, intitolata Black Jack, non fa altro che dimostrarlo.

La Opel Adam Black Jack corrisponde ad un allestimento da poco giunto in Italia e disponibile ad un costo complessivo molto vantaggioso. Con poco meno di 15 mila euro si può entrare in possesso di una vettura di sicuro affidamento, impreziosita da un pacchetto ricco di funzionalità accattivanti.

Il primo aspetto intrigante riguarda il design, caratterizzato da una livrea a due colori.
Vari aspetti dell’automobile sono dalla chiara colorazione nera, ed è proprio per questo che la variante è intitolata Black Jack. Dal tetto agli specchietti, dal cofano del motore ai montanti, sono molteplici gli elementi che presentano tale aspetto stilistico. Sta al cliente scegliere la combinazione di tonalità giuste, adatte ai propri gusti.

Ma non finisce qui. La nuova versione della Opel Adam punta su un sistema di infotainment di assoluto rilievo, su moderni cerchi in lega da 17 pollici e sui deliziosi vetri posteriori oscurati.

La vettura può essere connessa ad un dispositivo mobile tramite una tecnologia Open OnStar e munita di un sistema Radio R 4.0 IntelliLink, capace di funzionare nella maniera migliore con Android Auto e Apple CarPlay. Tutto viene proiettato su un display da 7 pollici touch screen, con un navigatore satellitare di primissima categoria. Da conoscere anche le novità riguardanti le motorizzazioni.
Black Jack viene aggiunto ai motori 1.2 a benzina da 70 cavalli e 1.4 turbodiesel da 150 cavalli.

Piaciuto l'articolo? Fallo conoscere a tutti:

  • Facebook
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Print
  • Twitter
  • Yahoo! Buzz
  • Digg
  • StumbleUpon

Potrebbe piacerti anche Altri autori

E tu che ne pensi?

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Giudizio Generale:
This site uses cookies. Find out more about this site’s cookies.