Opinione Renzo Rubino

0 0

Il suo secondo posto al Festival di Sanremo 2014 ha di certo spiazzato tutti dal momento che tra i big in gara era quello meno conosciuto e, per alcuni, non meritevole di partecipare in quella categoria, a giudicare dalle polemiche che si sono scatenate alla proclamazione dei cantanti in gara da parte del conduttore Fabio Fazio.

Renzo Rubino, nato a Taranto nel 1988, arriva al grande pubblico con la partecipazione al Festival di Sanremo del 2013 nella categoria Giovani con il brano “Il Postino (amami uomo)” arrivando al terzo posto ed aggiudicandosi il premio della critica della canzone italiana Mia Martini. Lo stesso anno partecipa poi al Music Summer Festival condotto da Alessia Marcuzzi e Simone Annicchiarico ed è il vincitore del Next generation ai Wind Music Awards.

Un anno in salita, quindi, che lo porta alla tanto discussa partecipazione di quest’anno con i brani “Per sempre e poi basta”, premiato dall’orchestra per il Miglior arrangiamento Sezione Campioni, e “Ora“, che rimane in gara e gli vale il terzo posto dopo Arisa e Raphael Gualazzi/The Bloody Beetroots.

La carriera di Renzo Rubino, però, comincia nel 2008 quando inizia ad esibirsi in piazza con Pianafrasando, un piccolo spettacolo voce e piano da lui ideato. Pubblica il primo album nel 2009 dal titolo FarFavole e nel 2011 vince il concorso Musicultura di Macerata ed inizia ad aprire i concerti di cantanti noti come Antonella Ruggero.

Insomma, un giovane che si è fatto la sua gavetta e che adesso sta, meritatamente e con tenacia, arrivando al successo nazionale in barba a quanti lo ritenessero troppo sconosciuto per gareggiare per il titolo di vincitore del Festival di Sanremo insieme a grandi nomi della canzone italiana come quelli in gara.

Quest’anno ancora più dell’anno scorso, invece, Renzo Rubino ha dimostrato un’ottima presenza scenica, duettando anche con l’amica di sempre Simona Molinari, ed ha dato prova di saper focalizzare l’attenzione su di lui con quel modo assolutamente particolare ed unico di suonare il pianoforte, che, di certo, ha catalizzato tanti sguardi su di lui durante le serate del Festival di Sanremo e di certo anche tante orecchie dal momento che si è aggiudicato un podio molto importante e per niente scontato.

Piaciuto l'articolo? Fallo conoscere a tutti:

  • Facebook
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Print
  • Twitter
  • Yahoo! Buzz
  • Digg
  • StumbleUpon

Potrebbe piacerti anche Altri autori

E tu che ne pensi?

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Giudizio Generale:
This site uses cookies. Find out more about this site’s cookies.