Opinione Seat Mii by Mango

1 2

Davvero accattivante questa citycar tutta al femminile! La nuova Seat Mii by Mango ha superato le aspettative di tutte quelle donne alla ricerca di auto fashion progettate appositamente per loro. Era già perfetta la Seat Mii, superaccessoriata, con bassi consumi e tecnologie d’avanguardia, ma il revival by Mango l’ha arricchita di charme, rendendola particolarmente al passo coi tempi!

La citycar spagnola, non poteva mancare in passerella alla 080 Fashion Week di Barcellona, il salone dove esordiscono le novità degli indipendent stylist! E’ lì che è stato presentato il revival di questa piccola utilitaria dal carattere mondano. E’ stata realizzata in due colorazioni: Nero Absolut e Beige Glamor; la Beige è sicuramente più grintosa, mentre la versione nera è decisamente più elegante!

Ci si entra con grande facilità, l’abitacolo è dotato di tutti i comfort con tanti vani e tasche per riporre gli oggetti; anche qui predominano il beige e il nero, colori ispirati al grande marchio Mango che da anni è sinonimo di stile ed eleganza nel mondo dell’abbigliamento femminile, gli interni poi, bellissimi, avvolgono il corpo con il loro tessuto in morbida alcantara e pelle. Unici i dettagli come i poggiatesta e i battitacco firmati Mii by Mango, per non parlare del tocco di stile dell’impuntura beige sia sul volante che sulla leva del cambio, che dire poi degli accessori esclusivi pensati per avere sempre tutto in ordine e a portata di mano? Appendi abiti per non sgualcire i vestiti e comodi ganci per appendere le borse! Finalmente le fashion bag non correranno più il rischio di sporcarsi.

Insomma, si nota proprio il grande tocco di stile della leggendaria casa di moda spagnola, che tra l’altro festeggia i suoi 30 anni di carriera; Mango, con cura ed eleganza, ha saputo davvero arricchire con tanti particolari utili e di tendenza, la nuova Seat Mii.

Realizzata nelle versioni tre e quattro porte, con cerchi in lega da 15 pollici, è possibile anche richiederla con il tetto panoramico! Al momento non è ancora sul mercato, bisognerà aspettare che trascorra l’estate prima di poterla vedere sulle strade della city, anche il prezzo per ora è ancora top secret.

Piaciuto l'articolo? Fallo conoscere a tutti:

  • Facebook
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Print
  • Twitter
  • Yahoo! Buzz
  • Digg
  • StumbleUpon

Potrebbe piacerti anche Altri autori

1 Commento

  1. Giovannella dice

    Chi vive al Sud oppure ha la Sicilia come meta delle vacanze, avrà avuto modo di incontrare gli imponenti alberi di carrubo (Ceratonia siliqua). Sono piante sempreverdi, dalla crescita lenta, molto longeve, che a fine estate lasciano cadere baccelli marrone scuro, buoni da portarsi dietro per rosicchiarne un pezzetto quando prende la voglia di dolce. La polpa un pò spugnosa e con piccoli e duri semi, ha sapore gradevole ed è molto zuccherina. Il gusto ricorda un pò il cacao zuccherato: per questo viene spesso utilizzata come alternativa al cioccolato. La carruba è naturalmente dolce, con pochi grassi e calorie, senza l’effetto eccitante, da essa si ottengono due farine: una di colore chiaro, ricavata dalla polpa essiccata, è chiamata “farina di carrubbe”; l’altra, più scura, è la “farina di semi di carrube”. Hanno composizione e utilizzi diversi. La farina ottenuta dalla polpa è composta per metà da zuccheri semplici, contiene molte fibre, pochissimi grassi e una notevole dose di sali minerali utili, prima tra tutti il calcio, magnesio e ferro. Al contrario del cacao non contiene acido ossalico, la sostanza che impedisce l’assorbimento dei minerali nell’intestino, né alcaloidi eccitanti, come la caffeina e la teobromina. Nessun problema anche per chi soffre di “mal di testa da cioccolato”: mancano del tutto ammine dall’azione vasocostrittrice, come la tiramina e feniletilammina, che si formano durante la fermentazione dei semi di cacao. La farina di carrube è venduta nei negozi di alimentazione naturale come alternativa al cacao, sia per l’uso nel latte che nei dolci. La farina di semi di carrube, invece è classificata come additivo stabilizzante con la sigla E 410: ha una grande capacità di assorbire acqua e di stabilizzare le emulsioni, per questo motivo è utilizzata dall’industria alimentare, per esempio nella produzione di gelati e budini.

E tu che ne pensi?

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Giudizio Generale:
This site uses cookies. Find out more about this site’s cookies.