Paranormal Activity 3 (Film horror)

0 3

Film horror del 2011 girato negli Stati Uniti e diretto dalla coppia di registi Henry Joost ed Ariel Schulman, prodotto dalla Blumhouse Productions e dalla Paramount Pictures. Si tratta del terzo episodio della fortunata saga dell’orrore, rappresentando di fatto il secondo prequel delle vicende precedentemente narrate. Il film consente di chiarire i tanti interrogativi insoluti dei primi due episodi, che devono necessariamente essere già stati visti per poterlo apprezzare appieno. “Paranormal Activity 3” è ambientato nell’anno 1998 e si snoda attraverso l’infanzia delle due piccole protagoniste Katie (Chloe Cserngey) e Kristi (Jessica Tyler Brown), che vivono in casa con la madre Julie e con il compagno di lei, Dennis. La tranquillità della famiglia viene interrotta dal verificarsi di inspiegabili e inquietanti avvenimenti. Dennis prende allora la decisione di piazzare le sue telecamere in ogni stanza della casa per registrare le eventuali tracce di attività paranormale che iniziano a manifestarsi con sempre maggiore frequenza. Kristi, la più piccola delle due, è vivace e molto curiosa, e come molte bimbe della sua età ha un amico immaginario. Purtroppo, quest’ultimo si dimostrerà assai poco amichevole e si svelerà in realtà come l’entità maligna che continuerà a perseguitare lei e la sorella per tutta l’infanzia e per la vita futura. La storia culminerà con la scoperta che un gruppo di persone aveva stretto un patto con l’essere demoniaco; tra queste c’è anche la nonna delle sorelle, che una volta ottenuta la custodia delle bambine, evocherà l’entità per uccidere la figlia, madre delle sorelline e il suo compagno. Risultano essere numerosi i colpi di scena e le immagini che destano nello spettatore un certo spavento. Inoltre, rispetto ai capitoli precedenti, c’è un più frequente ed oculato utilizzo degli effetti speciali, più dinamici e amplificati da effetti sonori veramente efficaci. Positiva appare anche la scelta di non ricorrere solo a telecamere fisse, in quanto la parte finale è girata interamente con la telecamera in spalla. La prima parte della pellicola, quella di carattere maggiormente espositivo, scorre via volutamente lenta, rendendo ancora più incisivi gli occasionali eventi soprannaturali ripresi dalle telecamere. La parte finale del film, che fornirà molte risposte ai quesiti che ogni spettatore si è posto dopo la visione di Paranormal Activity 1 e 2, metterà a dura prova le coronarie del pubblico per via dell’intensità creata dalla soggettiva. In definitiva, “Paranormal activity 3” si rivela forse il più convincente dei capitoli della saga, più teso ed inquietante e sicuramente meno noioso. Dopo soli tre giorni dall’uscita internazionale della pellicola, il film ha guadagnato l’incredibile somma di 80 milioni di dollari, confermando il gradimento del pubblico per la saga.

Piaciuto l'articolo? Fallo conoscere a tutti:

  • Facebook
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Print
  • Twitter
  • Yahoo! Buzz
  • Digg
  • StumbleUpon

Potrebbe piacerti anche Altri autori

E tu che ne pensi?

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Giudizio Generale:
This site uses cookies. Find out more about this site’s cookies.