Recensione Nikon Df

0 1

Nikon sbalordisce tutti e lancia sul mercato delle fotocamere reflex un modello che non si inserisce in una fascia specifica di mercato, ma anzi ne crea una nuova.

Il nuovissimo modello DF del notissimo brand giapponese Nikon, specializzato nella produzione di reflex di alta qualità di livello globale, ha un qualcosa di diverso che lo rende unico: questo modello è nato per dare una svolta netta a quello che è stato fino ad ora l’oggetto del desiderio di tutti gli amanti della fotografia, creando una reflex unica nel suo genere e acquistabile oggi sul mercato di tutto il mondo. Infatti casa Nikon si è ispirata al fascino retrò delle vecchie fotocamere a pellicola, con linee classiche, rivestimenti e manopole che ci riportano indietro nel tempo ai vecchi ricordi della giovinezza vissuta qualche tempo fa.

Non si parla però di novità se andiamo ad analizzare alcune delle sue caratteristiche, come il sensore full-frame da 16 MP o il Mirino 100%, tali e quali al precedente modello D4, o se parliamo degli AF a 39 punti di cui 9 a croce che sono ripresi dal modello D610. In ogni caso, questo non può che essere considerato un pregio per questo nuovissimo modello, visto anche il grande successo avuto dalle due reflex precedenti, dalle quali prende alcune delle caratteristiche peculiari.

La velocità di scatto massima della Nikon DF è pari a 1/4000 di secondo, con possibilità di scatto continuo 5.5 fps. Casa Nikon garantisce ai clienti interessati al nuovo modello all’incirca 1400 scatti con la batteria EN-EL14a, e un singolo slot SD per memorizzare tutte le foto che essi desiderano. Inoltre il nuovo modello è compatibile con tutti gli obbiettivi presenti fino ad ora sul mercato ed è compatibile anche con tutti gli altri modelli Nikon e, sorprendentemente, con tutti i vecchi obbiettivi Nippon Kogaku (società nata nel primo ventennio del 1900 e poi divenuta Nikon) dal 1959 in avanti.

Come nota di demerito, segnaliamo che manca la capacità di registrazione video, presente nei modelli precedenti, ma è doveroso sottolineare che la fotocamera è stata appositamente creata per fotografi “vecchio stampo” che difficilmente amavano cimentarsi nelle riprese. Il design stile vintage è forse il punto forte di questo modello all’ultimo grido, con una leggera struttura in lega di magnesio e i due colori disponibili: silver e il classico nero.

Altra piccola (ma non troppo) nota dolente è il prezzo: se si vuole portare a casa questo gioiellino dal gusto retrò bisognerà sborsare all’incirca 3000€. Sicuramente si tratta di un prezzo che la allontana dal vero mercato, ma è doveroso considerare che si tratta di un modello unico nel suo genere.

Piaciuto l'articolo? Fallo conoscere a tutti:

  • Facebook
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Print
  • Twitter
  • Yahoo! Buzz
  • Digg
  • StumbleUpon

Potrebbe piacerti anche Altri autori

E tu che ne pensi?

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Giudizio Generale:
This site uses cookies. Find out more about this site’s cookies.