Recensione Panasonic Lumix DMC G1

0 2

La fotocamera Panasonic Lumix DMC-G1 è una delle prime reflex digitali a supportare il nuovo formato Micro QuattroTerzi. A differenza delle nuove fotocamere che effettuano scatti in formato panoramico a 16:9, la Lumix DMC-G1 vuole cercare di rivoluzionare il mondo della fotografia introducendo questo nuovo formato standard.

Presentata nel 2008 come la fotocamera più innovativa del suo genere, essa è una via di mezzo tra una reflex e una digitale compatta.

Il corpo macchina è notevolmente più piccolo di una classica Reflex e questa caratteristica la rende unica nel suo genere.
Ecco le caratteristiche tecniche della Panasonic Lumix DMC-G1:
– Dimensioni corpo macchina: 124 x 84 x 45 mm; Peso: 385 grammi;

– Sensore Live MOS 4:3 con risoluzione 12.1 Megapixel;
– Batteria ricaricabile Li-ion 1250 mAh;
– Flash integrato;
– Processore Venus Engine HD;
– Possibilità di scattare fino a 3 fotografie al secondo in modalità scatto continuo(caratteristica migliorabile a 3.5 fps, grazie all’aggiornamento firmware);
– Sistema di risoluzione polvere dall’obbiettivo “Dust Reduction”;
– Mirino elettronico ad alta precisione;
– Display LCD da 3 pollici da 460.000 pixel;
– Formati d’immagini Jpeg e Raw;
– Schede di memoria compatibili SD, SDHC, MMC;
– Accessori in dotazione: caricabatteria, batteria, tappo, Cavetto USB, Cavo AC, Cavo video, Tracolla,Cd-rom per l’installazione dei software nel computer.

La Panasonic Lumix DMC-G1 vuole rivoluzionare il mondo della fotografia, visto alla sua elevata tecnologia contenuta in un corpo macchina davvero piccolo. La macchina può supportare diversi tipi di obbiettivi costruiti secondo lo standard Micro QuattroTerzi e a tal proposito è disponibile un anello adattatore. Le fotografie sono ad ottima qualità è possono essere scattate tramite un mirino elettronico ad alta definizione oppure visualizzate in modalità Live nello schermo LCD. I vantaggi di questa reflex Panasonic sono l’elevata risoluzione delle immagini in questo nuovo formato, la leggerezza e le dimensioni ridotte del corpo macchina, il sistema anti-polvere Dust Reduction e l’obbiettivo intercambiale. Di contro troviamo l’assenza della modalità video, zoom digitale limitato, flash integrato mediocre e batteria di scarsa durata.
Il prezzo si aggira intorno ai 320 euro (solo corpo)e la macchina è disponibile nei colori rosso, nero e blu.

Questa reflex è il modello ideale per chi ancora non è esperto per l’utilizzo di reflex più avanzate e molto costose, ma vuole cominciare a distaccarsi dalle fotocamere più semplici.

Piaciuto l'articolo? Fallo conoscere a tutti:

  • Facebook
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Print
  • Twitter
  • Yahoo! Buzz
  • Digg
  • StumbleUpon

Potrebbe piacerti anche Altri autori

E tu che ne pensi?

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Giudizio Generale:
This site uses cookies. Find out more about this site’s cookies.