Recensione PS4

0 1

La nuova console di Sony, la Play Station 4, si presenta con un aspetto semplice ma allo stesso tempo molto elegante. Ad una prima occhiata si fa notare per il contrasto fra la parte superiore lucida e quella inferiore opaca, separate da un incavo che nasconde una striscia luminosa blu elettrico che le dà un non so che di misterioso e futuristico.
Solida, leggera e ben curata nei dettagli, questa console promette bene ancor prima di premere il pulsante di accensione.

Sul retro si trovano solo le porte necessarie, lasciando tutto il superfluo a vantaggio della compattezza: 2 porte USB3, 1 porta AUX, 1 porta ethernet fini a 1GBit, 1 uscita ottica digitale e l’indispensabile HDMI per collegarla alla TV digitale. Ovviamente non potevano mancare anche il Bluetooth 2.1 e la connessione WiFI (IEEE 802.11 b/g/n).

Quando la si avvia – non impiega più di 15/20 secondi – quello che colpisce, oltre all’accattivante gioco di luci della striscia luminosa al centro, è la totale assenza di rumore.

Arrivato il momento dell’utilizzo vero e proprio si rimane stupefatti dall’incredibile grafica, ottenuta grazie al chip basato su tecnologia AMD, e dalla fluidità di gioco consentita dal processore 8core sempre di casa AMD.

Anche quando scarica gli aggiornamenti – grazie al download effettuato in background – la console di Sony si fa trovare sempre pronta e scattante, e conserva tutte le nostre modalità di gioco nel capiente hard disk da 500Gb.

Giocare con la PS4 è un’esperienza davvero esaltante che cattura giocatori di ogni età: l’abbiamo sognata ed immaginata a lungo ma il primo gioco ci ha subito ripagato l’attesa.

Piaciuto l'articolo? Fallo conoscere a tutti:

  • Facebook
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Print
  • Twitter
  • Yahoo! Buzz
  • Digg
  • StumbleUpon

Potrebbe piacerti anche Altri autori

E tu che ne pensi?

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Giudizio Generale:
This site uses cookies. Find out more about this site’s cookies.