Risparmiare con la bicicletta elettrica? Si può!

1 1

I nostri spostamenti quotidiani sono parte integrante della nostra vita e ci portano via tempo e denaro, che potremmo dedicare a ció che piú ci piace fare.

Il rincaro costante e progressivo del prezzo della benzina sta facendo sí che mezzi di trasporto come l`auto siano diventati troppo dispendiosi per la gestione economica della famiglia, oltre ad obbligare a doversi cimentare nel sempre piú caotico traffico delle nostre cittá; moto e scooter risolvono, in parte, questo problema perché utilizzano, comunque,  carburante e presentano  costi di manutenzione e di gestione abbastanza alti. L`unica soluzione, se i nostri spostamenti sono al di fuori dei percorsi dei mezzi pubblici o se comunque vogliamo essere indipendenti dagli orari, é la bicicletta, mezzo che fa dell`economia di esercizio la sua piú importante caratteristica. La principale obiezione che molti si pongono a dispetto del suo utilizzo quotidiano é la distanza, a volte molto cospicua, fra il luogo di lavoro o di studio e la propria abitazione, che, con il solo utilizzo delle proprie gambe, farebbe sí che i nostri percorsi si allungassero troppo nel tempo.portandoci via, otre che energie, gran parte della giornata.

La novitá che giá da qualche anno é presente sul mercato é rappresentata dalla bicicletta elettrica, la quale riesce a coniugare costi di gestione ridotti al minimo ( la sola ricarica elettrica) ad una mobilitá sostenibile e rapida nelle strade delle nostre cittá. L`unica nota negativa per quanto riguarda le bici a pedalata assistita é il prezzo iniziale di acquisto, che, sebbene abbia avuto una drastico calo, non é ovviamente paragonabile a quello di un mezzo tradizionale.

Per avere un`idea dell`esborso economico che dovremmo affrontare e utile effettuare una ricerca su internet, che ci evidenzierá come il prezzo sia molto variabile in base alle caratteristiche del prodotto, ai materiali utilizzati, alla marca e agli optionals inclusi; ad ogni modo la richiesta é dai cinquecento euro circa del prezzo di partenza fino ad oltre i mille euro di quelle piú care. La grande variante é peró, senza dubbio, la batteria di cui é dotata la bicicletta che ne determina l`autonomia e la velocitá massima di esercizio. I mezzi che hanno un prezzo oscillante attorno ai cinquecento euro montano di norma una batteria da 24 volt che offre un`autonomia di assistenza attorno ai quaranta chilometri, il che, aggiunto a tratti di pedalata autonoma del ciclista, potrá coprire anche le distanze piú ampie tra casa e lavoro, ma necessiterá di una ricarica quotidiana e raggiungerá velocitá quasi sempre non superiori ai 35-40 km\h.

I modelli di alta gamma, al contrario, a fronte di un costo più elevato,  offrono ovviamente un motore elettrico piú potente, che raggiunge velocitá anche superiori a quelle di un ciclomotore, offrendo un`autonomia piú che raddoppiata, che ne garantisce un utilizzo completo su percorsi anche di grande lunghezza; il prezzo, ovviamente, é quello di un scooter e l`essere certi di un utilizzo ingente del mezzo ne giustifica la spesa nettamente superiore, rispetto ai modelli base.

Piaciuto l'articolo? Fallo conoscere a tutti:

  • Facebook
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Print
  • Twitter
  • Yahoo! Buzz
  • Digg
  • StumbleUpon

Potrebbe piacerti anche Altri autori

1 Commento

  1. Gennaro Santoianni dice

    Non posso dare nesun opinione non conosco le caretteristiche mai ho provate una bicicletta eletrica.Se posso avere piu informazione Grazie

E tu che ne pensi?

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Giudizio Generale:
This site uses cookies. Find out more about this site’s cookies.