Ristoranti per celiaci a Torino (recensione)

0 2

La celiachia, ossia l’intolleranza al glutine, sembra ormai essere molto diffusa nella popolazione, al punto di aver stimolato la nascita di un discreto numero di ristoranti “a tema” nelle maggiori città italiane. La caratteristica di questi locali è quella di presentare menù appetitosi in totale assenza dell’elemento scatenante l’intolleranza: il glutine. E anche chi non ha problemi in questo senso può restare piacevolmente sorpreso dalla qualità dei piatti. Tanto che, se la prima volta ci si capita per accompagnare un amico celiaco, capita di tornarvi anche da soli.
A Torino ne esistono parecchi e stanno riscuotendo un buon successo di pubblico.
Uno è SaporDivino in Via Borgo Dora 25. Nato come ristorante tradizionale piemontese, da qualche anno pone una rigida attenzione alla dieta senza glutine, proponendo (oltre ai classici piatti a base di verdure, carne, salumi e formaggi) anche pane e dolci caserecci realizzati secondo i dettami dell’Associazione Italiana Celiachia; il prezzo di un pasto a menù fisso si aggira attorno ai 20 euro.

Cucina senza glutine si trova anche a La locanda di Garibuia e Giagudelo in Via Volta 3/c, altro ristorante tipico sito nel centro della città. Qui, il piatto della casa è il pinzimonio tiepido e il menù fisso ha un costo assai contenuto: 12 euro.
In Corso Brescia 14, il Circolo Arci Fuoriluogo presenta un menù da 10 euro e accontenta con piacere sia i vegetariani sia le persone celiache.
Dai 18 ai 35 euro è quanto si spende per una cena al Micamale di Via Corte d’Appello 13, in pieno centro storico, dove l’assenza di glutine è garantita… così come un’ampia scelta di vini eccellenti.
Da poco aperta una cucina e una pizzeria dedicata ai celiaci nel ristorante L’impero del gusto in Via Filippo Burzio 9/f. Le specialità del locale sono prevalentemente carne e pesce; ma la vera meraviglia per il palato è la pizza senza glutine, assolutamente da provare; il costo di una cena parte dai 25 euro.

In Via Conte Verde 7/a, si trova Panperfocaccia. La specialità è il pesce, ma anche gli alimenti sani e genuini. Particolare attenzione è rivolta ai celiaci: pane, grissini e dolci fatti in casa sono ottimi e tassativamente senza glutine. Il prezzo di un pasto si aggira attorno ai 35 euro.
E ancora: il Wok’N Roll di Via Giolitti 5/d, il primo Noodle Bar Italiano (costo: dai 6 euro).
Infine, da Noè in Via Pietro Francesco Guala 120, la specialità della casa è composta proprio dalle tante pizze e dai piatti rigorosamente senza glutine. Il prezzo è variabile ma discretamente contenuto.

Piaciuto l'articolo? Fallo conoscere a tutti:

  • Facebook
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Print
  • Twitter
  • Yahoo! Buzz
  • Digg
  • StumbleUpon

Potrebbe piacerti anche Altri autori

E tu che ne pensi?

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Giudizio Generale:
This site uses cookies. Find out more about this site’s cookies.