Ritorno a Brideshead (film storico, drammatico)

0 4

“Ritorno a Brideshead” è un film drammatico del 2008 ispirato all’omonimo romanzo di Evelyn Waugh (1945). La storia è ambientata nell’Inghilterra del 1925 e vede come protagonista Charles Ryder, studente di storia ad Oxford ma appassionato di pittura. Durante la sua permanenza all’Università conosce un altro studente, Sebastian Flyte, del tutto diverso da lui per classe sociale e carattere. Tra l’altro il suo stile di vita, la passione per l’alcool e la sua omosessualità attirano la disapprovazione della sua rigida famiglia, i Marchmain. I due diventano amanti e durante una festa Charles viene invitato a trascorrere qualche giorno presso la fastosa dimora di Sebastian, Brideshead, dove avrà l’occasione di conoscere la madre, il fratello e le sorelle, Julia e Cordelia. Il padre di Sebastian organizza un viaggio in Italia, a Venezia ed invita Charles ad unirsi a loro. Proprio durante questo viaggio comincerà a sbocciare l’amore tra Julia e Charles, ma ciò susciterà la profonda gelosia e disapprovazione di Sebastian che, contrariato, tornerà immediatamente a casa in Inghilterra.
La vita dissoluta del figlio, sempre più dedito all’alcool, e l’impossibilità per i Marchmain, ferventi cattolici, di accettare Charles, un ateo convinto, come fidanzato della figlia Julia, faranno precipitare gli eventi. Il primo, infatti, sarà costretto a scappare in Marocco, mentre a Charles sarà vietato di entrare ancora nella loro casa.
Le loro vite si divideranno inevitabilmente. Julia sposerà Rex Mottram, un canadese ben visto dalla sua famiglia, Charles andrà in Marocco alla ricerca di Sebastian che troverà ormai gravemente ammalato.

Passano molti anni e Charles, sposatosi, è diventato un ricco pittore di successo. Casualmente su un volo diretto in Sud America incontra Julia e fra i due scoppia di nuovo la passione tanto da decidere di lasciare i rispettivi coniugi ed andare a vivere insieme in Italia. Charles decide di parlare prima con Rex, il quale accetta di lasciare la moglie in cambio di alcuni suoi quadri. Julia si sente umiliata ed offesa e ritornerà per questo sulla sua decisione.
La storia continua attraverso anni ed eventi storici drammatici, fino alla seconda guerra Mondiale durante la quale Charles presta servizio nell’esercito ed è diventato un uomo arido e disilluso, mentre la residenza Brideshead, requisita per motivi bellici, è ormai caduta in rovina.
Nel film vengono messe in risalto tutte le contraddizioni della società inglese ai primi del ‘900. Un’esteriorità ed un perbenismo esasperati che celano tensioni ed insofferenze nei confronti della diversità e che spesso portano i protagonisti ad essere coinvolti più o meno volontariamente in situazioni drammatiche che inevitabilmente sconvolgeranno le loro vite. In Charles emerge la voglia di riscatto e la necessità elevarsi dalla sua condizione sociale mentre Sebastian, che in apparenza sembrava il personaggio più spregiudicato e libero si rivela, invece, debole e succube del suo ruolo in una famiglia che non riesce ad aiutarlo ma nemmeno ad accettarlo per come è.

La storia non è nuova agli spettatori. Nel 1981, infatti, è stata portata sul piccolo schermo come miniserie con un cast d’eccezione tra cui emergeva il grande Lawrence Oliver.
La pellicola del 2008, per la regia di Julian Jarrod ha, fra i protagonisti, Matthew Goode, Hayley Atwell, Ben Whishaw, Emma Thompson, Michael Gambon, Greta Scacchi ed Ed Stoppard.

Piaciuto l'articolo? Fallo conoscere a tutti:

  • Facebook
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Print
  • Twitter
  • Yahoo! Buzz
  • Digg
  • StumbleUpon

Potrebbe piacerti anche Altri autori

E tu che ne pensi?

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Giudizio Generale:
This site uses cookies. Find out more about this site’s cookies.