Scadenza della seconda rata IMU.

1 3

Al via il pagamento della SECONDA RATA dell’IMU. Niente panico, non è per tutti. Il pagamento della seconda rata dell’IMU spetta a coloro che al momento della compilazione del modello F24 hanno scelto questo tipo di pagamento piuttosto che il pagamento per intero o in due rate. Se avete scelto di pagare in due rate, la seconda sarà in scadenza a dicembre e non settembre e in quel momento vi sarà il PAGAMENTO A CONGUAGLIO, di seguito indicherò cosa significa.
La seconda rata non deve essere pagata neanche sulle SECONDA CASA, infatti, per questo tipo di immobile il pagamento poteva essere rateizzato solo in due versamenti e il secondo sarà in scadenza a dicembre.
Riassumendo la scadenza del 17 settembre riguarda solo l’ ABITAZIONE PRINCIPALE e coloro che hanno scelto solo per tale abitazione la divisione in tre rate.

IMPORTO
L’importo dovuto è pari a quello del primo versamento e può essere dedotto dal modello F24, non dovete però tenere in considerazione eventuali maggiorazioni alla prima rata dovute a sanzioni per ritardi o altro.
CONGUAGLIO:
Abbiamo anticipato sopra che a dicembre vi sarà il pagamento a conguaglio. Cosa significa? Se ricordate la normativa prevede per la prima casa un’aliquota ordinaria del 0,4%, questa poteva essere aumentata o diminuita di 0,2 punti percentuali da parte delle singole amministrazioni. Questa scelta sarà calcolata sulla rata di dicembre. Questo significa che se il Comune dove è ubicato l’immobile sceglierà di abbassare l’aliquota principale, la somma finale dovuta sarà inferiore rispetto a quella inizialmente calcolata e quindi la terza rata potrà essere piccola, annullata o perché no, potrebbero esservi dei rimborsi, tutto dipende dalla rendita catastale e da quanto il Comune abbassa. Il Comune però potrebbe aver anche deciso di aumentare l’aliquota ordinaria e in questo caso la terza rata sarà più alta di quanto inizialmente calcolato. Sembra che molte amministrazioni abbiano in realtà optato per questa seconda scelta, il tutto a causa dei minori trasferimenti dallo Stato agli enti locali e quindi alle difficoltà economiche che i Comuni si trovano a dover gestire.

Se anche in seconda rata non vengono ancora applicate le aliquote di conguaglio, in molti comuni è già possibile sapere quale sarà l’aliquota finale e quindi potrete fare i dovuti calcoli. Per chi vuole conoscere quanto dovrà pagare come rata finale dell’IMU il consiglio è di cercare sul sito del proprio Comune, ormai tutti ne hanno uno, la delibera relativa.

Piaciuto l'articolo? Fallo conoscere a tutti:

  • Facebook
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Print
  • Twitter
  • Yahoo! Buzz
  • Digg
  • StumbleUpon

Potrebbe piacerti anche Altri autori

E tu che ne pensi?

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Giudizio Generale:
This site uses cookies. Find out more about this site’s cookies.