Sharp (prodotti fotovoltaici)

1 1

La febbre del fotovoltaico ha (o forse aveva) contagiato l’Italia. In effetti aumenti del 250% degli impianti dal 2009 al 2010 non sono uno scherzo.

D’altronde l’idea è allettante.

Energia dal sole: pulita, finanziata e gratuita. Se si pensa che in un’ora il sole “spedisce” sulla terra un’energia pari a quella che gli umani utilizzano in un anno non può non fare pensare a metodi per prelevare parte di questa energia. I pannelli fotovoltaico sono probabilmente il metodo più “diretto” di fare questo.

Gli unici scogli che mi hanno fermato, per il momento, dall’installazione dei pannelli fotovoltaici dal tetto di casa mia sono quattro:

1) L’orientamento non ottimale della falda del tetto.
2) Il costo iniziale non indifferente.
3) La procedura di rimborso dell’energia che s’immette in rete non cristallina.
4) La politica dell’attuale governo contraria all’energia solare, con il rischio del blocco degli incentivi.

Se un giorno si saranno superati parte o del tutto le problematiche citate, e’ probabile che prenda in considerazione i pannelli solari fotovoltaici della Sharp.

La Sharp, azienda giapponese nata nel lontanissimo 1912 come industria meccanica, già nel 1963 ha iniziato la produzione di celle solari a semiconduttore.

Oggi è uno dei leader mondiali del settore, con circa il 25% del mercato dei pannelli fotovoltaici.

La sharp offre un’ampia gamma di pannelli fotovoltaici:

– I pannelli monocristallini, con efficiente di circa il 14%
– I pannelli policristallini, con efficienze attorno al 13%
– I pannelli “a film sottile” aventi efficienza di circa il 9%.

Una resa minore significa che, per ottenere la stessa potenza di picco, occorrono aree più grandi, ma la maggiore area e’ ripagata dal minore costo dei pannelli a film sottile rispetto agli altri due.

In un impianto fotovoltaico, il costo dei pannelli incide notevolmente: attorno al 65%, per cui occorre considerare oculatamente quest’aspetto.

Indicativamente, un impianto completo da 3kWp (chilowatt di picco), adatto per un ambito monofamiliare, costa attorno ai 20000 Euro.

La Sharp, con i suoi pannelli a film sottile, offre un rapporto costo/potenza particolarmente interessante, arrivando a 1.62 Euro/W, un valore tra i più convenienti presenti sul mercato.

Interessante è l’accordo del 2010 tra Enel, Sharp e STMicroelectronics (quest’ultima un’azienda di semiconduttori italo-francese) che dovrebbe portare alla costruzione di una grande fabbrica di pannelli fotovoltaici a Catania. Si parla di impianti che entro il 2011 iniziernno la produzione di pannelli solari per un totale di 160 MW annui, che potrà in futuro salire a 480 MW.

Il fatto che Sharp sara’ un prodotto anche italiano non puo’ che favorirne (un po’ autarchicamente) la scelta da parte di noi ecologisti-risparmiatori italiani.

Piaciuto l'articolo? Fallo conoscere a tutti:

  • Facebook
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Print
  • Twitter
  • Yahoo! Buzz
  • Digg
  • StumbleUpon

Potrebbe piacerti anche Altri autori

1 Commento

  1. moduli fotovoltaici dice

    Il fotovoltaico ha contagiato molte persone, tutto merito dei vantaggi che è in grado di offrire e dei benefici che porta.

E tu che ne pensi?

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Giudizio Generale:
This site uses cookies. Find out more about this site’s cookies.