Sherlock Holmes (film)

0 3

L’operazione messa in piedi da Lionel Wigram per arrivare alla produzione dello Sherlock Holmes di Guy Ritchie mostra come la figura del produttore possa incidere sul piano creativo di un film tanto quanto su quello economico.
Prima e dopo l’uscita del film nel dicembre 2009 si è parlato molto di una graphic novel scritta da Wigram stesso con l’intento di trarne la sceneggiatura per un lungometraggio, sfruttando così il filone dei film d’azione tratti dai comics che negli ultimi hanni ha riscosso tanti successi al botteghino e con l’intento di dare nuova linfa alla figura leggendaria dell’investigatore Holmes e del fido dottor Watson.
Primo colpo di scena : la graphic novel non esiste.Wigram ha invece chiesto al quotato illustratore John Watkiss (Tarzan, Atlantis) di rappresentare con 14 tavole in bianco e nero il soggetto che aveva in mente per proporlo in maniera efficace a diverse case di produzione fra cui la Warner Bros che ha poi accettato la sfida.

Il risultato è uno Sherlock Holmes donnaiolo e guascone, interpretato con ironia e grande efficacia dal sanguigno Robert Downey Jr.
Bravo e misurato anche Jude Law (Watson), che per l’occasione mette da parte la sua ascesa da star e si mette al servizio del protagonista.
Guy Ritchie conferma di avere uno stile personale e riconoscibile ed ancora di più di saperlo mettere al servizio di un film che gli è stato commissionato, non rinunciando comunque alla sua vena autoriale : una volta aderito al progetto ha infatti partecipato al rimaneggiamento della sceneggiatura del quale risulta coautore accanto a Simon Kinberg, Mike Johnson ed Anthony Peckham.
Non mancano gli espedienti già utilizzati dal regista in The Snatch e RocknRolla con un uso studiato di ralenti, flashback e flashforward che si traduce in un montaggio serrato (James Herbert) e in una fotografia (curata dal francese Philippe Rousselot) con atmosfere da dark graphic novel (la graphic novel che non c’è).

Il film scorre piacevolmente fra gag e scene di combattimento da cappa e spada a fumetti, per quanto i 128 minuti di durata appaiano forse eccessivi e qualche taglio in più avrebbe potuto renderlo più fresco.
Fresche sono anche le notizie sull’uscita dell’atteso sequel “Sherlock Holmes 2 – A game of Shadows” previsto per il 16/12/2011 sia negli Stati Uniti che nelle sale italiane.Confermato gran parte del cast del primo episodio tra cui la coppia d’oro Robert Downey Jr – Jude Law e Guy Ritchie alla regia, per quanto riguarda la sceneggiatura i produttori si sono invece rivolti ai fratelli Kieran e Michele Mulroney.

Piaciuto l'articolo? Fallo conoscere a tutti:

  • Facebook
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Print
  • Twitter
  • Yahoo! Buzz
  • Digg
  • StumbleUpon

Potrebbe piacerti anche Altri autori

E tu che ne pensi?

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Giudizio Generale:
This site uses cookies. Find out more about this site’s cookies.