Smalto semipermanente: consigli e opinioni

2 4

Negli ultimi anni si è manifestata la moda dello smalto semipermanente, vale a dire di uno smalto particolare che unisce alla praticità e semplicità di stesura di un normale smalto per unghie, la resistenza di una ricostruzione con gel UV. Lo smalto semipermanente, quindi, costituisce l’evoluzione di quest’ultima tecnica.

Il semipermanente è uno smalto fotoindurente e per farlo asciugare va quindi esposto ai raggi UV della lampada.

Una caratteristica ottimale dello smalto semipermanente consiste nel fatto che esso ha una durata abbastanza buona, che, in media, si aggira intorno alle due settimane quindi molto maggiore rispetto ad uno smalto tradizionale. Altro lato positivo è il fatto che, a differenza del gel, risulta avere una consistenza più elastica, e quindi meno rigida, con il vantaggio di appesantire di meno l’unghia sottostante.
Altro aspetto positivo consiste nel costo, notevolmente inferiore a quello della ricostruzione in gel, e nel fatto che, con un pò di pratica, è possibile applicare lo smalto semipermanente anche da soli a casa propria, senza dover necessariamente recarsi presso un centro estetico, risparmiando, a parer mio, tempo e denaro.
Altro lato positivo di questa nuova tecnica è, inoltre, la facilità di rimozione del prodotto. Questa, infatti, può essere realizzata mediante l’utilizzo di acetone e di un bastoncino d’arancio e non, come accadeva per il gel UV, con l’aiuto di una fresa, con l’ovvio risultato di rovinare e aggredire meno l’unghia.
Da un punto di vista propriamente estetico, invece, lo smalto semipermanente presenta il vantaggio di non creare spessore sull’unghia, ossia di non realizzare quella che viene chiamata bombatura e che è caratteristica della ricostruzione in gel.

Passando, ora, agli aspetti negativi, bisogna sottolineare principalmente il fatto che con questa tecnica non è possibile modificare la conformazione dell’unghia, ad esempio allungandola, nè è possibile effettuare decorazioni o french manicure su di essa.
Lo smalto semipermanente, inoltre, non è assolutamente indicato per coloro che sono soliti mangiarsi le unghie. Questo perchè, non trattandosi di ricostruzione, il prodotto potrebbe venir via a contatto con i denti, danneggiando l’effetto sull’unghia oltre che provocando problemi anche ai denti.
E ‘consigliato invece per coloro che hanno unghie lunghe robuste oppure semifragili ma corte.
Per concludere la tecnica dello smalto semipermanente presenta innumerevoli aspetti positivi e alcuni lati negativi. Il consiglio è, pertanto, quello di provare personalmente e di verificare se tale tecnica risulta essere di proprio gradimento.

Piaciuto l'articolo? Fallo conoscere a tutti:

  • Facebook
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Print
  • Twitter
  • Yahoo! Buzz
  • Digg
  • StumbleUpon

Potrebbe piacerti anche Altri autori

2 Commenti

  1. FrancescaArtistudio dice

    la ricostruzione delle unghie, anche detta allungamento, copertura o ritocco, non assottiglia l’unghia ma la opacizza. il che significa che dovrebbe limitarsi a rimuovere lo strato idrolipidico che la riveste, e questo per fare si che il grasso (i lipidi, appunto) non intacchino il processo di polarizzazione e di adesione del gel o acrilico che sia. Il che significa che dovreste diffidare da chi insiste troppo con la limatura. 2 ricostruzione gel o smalto semipermanente non sono in egual modo invasivi ne tanto meno nocivi. Per chi non lo sapesse padre di entrambi è l’acrilico, la stessa “pasta” che i dentisti ci mettono in bocca con le otturazioni. Oltretutto, così come i capelli, il tessuto delle unghie è letteralmente morto. Il che non solo presuppone il fatto che ciò che è morto non respira ma che sia alquanto improbabile ne risenta. Ciò che è vivo è il letto unghiale, il tessuto sottostante. Lo stesso che è irrogato di sensori recettivi e microcircolazione che vanno a irrogare la matrice dell’unghia (l’unica parte viva) che si trova sottostante la pelle, nella parte alta “della cuticola superiore”, praticamente dove inizia l’unghia. 3 su queste basi e su quelle della mia esperienza professionale il mio consiglio è come al solito di affidarsi a veri professionisti e di lasciarvi consigliare da loro quale tipo di trattamento è per voi, per le vostre caratteristiche e per lo stile di vita, il più adatto.

  2. Opinione Opinione smalto semipermanente

    […] Per chi desidera avere sempre mani perfettamente in ordine, con unghie impeccabili, può provare l’innovativo smalto semipermanente. […]

E tu che ne pensi?

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Giudizio Generale:
This site uses cookies. Find out more about this site’s cookies.