Sopravvivere alla catastrofe.Cosa accadrà dopo il 2012?

0 1

Nel corso dei secoli sono nate numerose sette che si sono ispirate alla credenza, detta millenarismo, basata su un passo del Nuovo Testamento che preannuncia la fine del mondo e l’inaugurazione da parte di Cristo di un regno di pace in cui gli eletti vivranno con i santi, alla fine di questo periodo di felicità e di pace vi sarà la fine del mondo e il giudizio universale.
Questa credenza ha dato origine a numerosi movimenti religiosi che spesso hanno assunto delle dimensioni ragguardevoli per ciò che concerne il numero di aderenti, ma il comun denominatore di queste sette è sempre stata l’ispirazione religiosa.
Da qualche tempo si assiste invece ad un fenomeno simile che preannuncia la fine del mondo, fissata nel 2012, basandosi sulle antiche profezie maya . La differenza che passa tra il millenarismo e le profezie maya sta nel fatto che il primo fa seguire alla catastrofe un periodo in cui i giusti saranno premiati, mentre le profezie maya preconizzano la distruzione totale.

In “Sopravvivere alla catastrofe”, pubblicato dall’editore Corbaccio, l’autore Lawrence E. Joseph,ipotizza che le profezie maya siano vere e si domanda quali stategie possiamo mettere in atto per difenderci dalle eventuali catastrofi che ne seguiranno.
Potrebbe sembrare una domanda che nasce da un fondamento poco scientifico, ma a parte la veridicità della profezia, resta comunque una domanda che vale sempre in un’epoca di formidabili cambiamenti come l’attuale e in cui l’uomo sta pesantemente mettendo a rischio l’equilibrio di numerosi fenomeni naturali, primo fra tutti il clima.

Forse partire dalle profezie maya è l’occasione per comprendere che cosa possa fare il singolo individuo, le istituzioni locali, nazionali e mondiali per attuare degli interventi concreti nei confronti di una situazione che sembra in alcuni casi irrimediabilmente compromessa.
Un esempio concreto che ci permette di riflettere sul modo in cui l’uomo sta sconvolgendo gli equilibri naturali è quello relativo alla recente alluvione che ha colpito ampie porzioni del territorio nazionale e in particolare le Marche dove vi sono state delle vittime a seguito delle esondazioni del fiume Ete.
Si sarebbero potuti evitare i morti e le distruzioni che hanno colpito il territorio fermano se ci fossero state quelle azioni di cui parla proprio Lawrence E. Jospeh nel suo libro e sembra che quei tragici fatti siano come un monito rivolto a tutti coloro (cittadini compresi) che spesso volutamente ignorano gli scenari che si potrebero verificare quando vi è una gestione dissennata del territorio.

Leggere il libro di Lawrene E. Joseph non è un invito ad abbracciare le tesi del catastrofismo, ma prendere consapevolezza del fatto che forse si può sopravvivere a un disastro, ma pagando un prezzo altissimo proprio perchè anche al livello personale non si fa niente per invertire la rotta.

In diversi interventi il geologo e ricercatore Mario Tozzi, volto noto al pubblico televisivo, ha ripetuto che determinate tragedie sono annunciate, è triste constatarlo ma ha ragione e se i cittadini continuano ad accogliere i condoni edilizi come dei provvedimenti a loro favorevoli e i politici a favorirli come delle iniziative che creano consenso elettorale, le sfide che ci aspettano saranno forse peggiori di quelle preconizzate dalle profezie maya, con una differenza però: sarà l’uomo l’unica causa della sua rovina e non basteranno i soldi per rimettere a posto una situazione irrimediabilmente compromessa.

Oltre a “Sopravvivere alla catastrofe”, si consiglia dello stesso autore “Apocalisse 2012″ sempre edito da Corbaccio. Erroneamente alcuni recensori e siti librari riportano il seguente titolo:” Apocalisse 2012 – Sopravvivere alla catastrofe” (probabilmente non hanno letto nè l’uno nè l’altro), ma si tratta di due libri diversi, “Apocalisse 2012” è stato pubblicato nel 2008, “Sopravvivere alla catastrofe” è stato pubblicato nel 2010
NOTA BENE: L’errore è stato ripetuto ovunque, è triste constatare che così non si rende un buon servizio ai lettori del web che spesso leggono notizie del tutto fuorvianti e del tutto erronee.

Autore: Lawrence E. Jospeph
Titolo: Sopravvivere alla catastrofe
Editore: Corbaccio
Pagine. 279
Prezzo. Euro 17,60

Piaciuto l'articolo? Fallo conoscere a tutti:

  • Facebook
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Print
  • Twitter
  • Yahoo! Buzz
  • Digg
  • StumbleUpon

Potrebbe piacerti anche Altri autori

E tu che ne pensi?

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Giudizio Generale:
This site uses cookies. Find out more about this site’s cookies.