Venuto al mondo – Film (2012)

0 3

Venuto al mondo è l’ultimo film di Sergio Castellitto che, con un cast d’eccezione, parla di una storia ambientata a Sarajevo prima, durante e dopo la guerra. Nuovamente insieme, come regista e sua attrice, Castellitto e Penelope Cruz ci raccontano un’altra storia di Margaret Mazzantini, dopo Non ti muovere del 2004.

La storia narrata

E’ una storia crudele quella che porta Gemma – interpretata da Penelope Cruz – e il figlio Pietro a tornare a Sarajevo. L’occasione è una mostra fotografica postuma sul tema della guerra, nella quale sono esposte le opere di Diego, il grande amore della vita di Gemma. A Sarajevo dopo anni, e dopo la guerra balcanica, viene richiamata da Gojko, il poeta che le fece da guida in Bosnia. Un lungo viaggio per vedere una mostra nella quale campeggia un piccolo scatto di una polaroid, forse unica immagine a colori dell’esposizione, con il disegno di un piccolo tatuaggio. Non sarà un giallo, ma il simbolo di un storia diversa da quanto appare ad una prima e superficiale occhiata. Una storia che ci viene svelata passo dopo passo senza alcuna urgenza per darci il tempo di capire.

La storia senza eroi

In un andirivieni di flashback si snoda una storia in cui l’attrice protagonista è a volte personaggio di secondo piano. La vera protagonista è la miseria umana nelle sue infinite sfumature. Protagoniste le storie personali di due persone – compagni e amanti – che trascinano nel fardello della vita le paure di abbandono e di perdita. Paure di chi è cresciuto nell’amore ed ha mille insicurezze e di chi è cresciuto nella mancanza di amore ed è più forte fino a che quella forza si spegne di colpo. E tutto questo si perde sotto i bombardamenti di una guerra crudele forse più di altre, dove l’intolleranza tra etnie spinge i due fronti a infliggersi una punizione non spiegabile come sola necessità di sopravvivenza. E ancora un gruppo di intellettuali e artisti che sembra non voler capire ciò che davvero sta accadendo nella strada.

Curiosità

Il libro da cui è tratto il film, scritto dalla moglie di Castellitto, Margaret Mazzantini, ha vinto il premio Campiello nel 2009. Nel film recita in anche Pietro, il figlio di Sergio e Margaret. Il film è stato presentato in anteprima mondiale al Toronto International Film Festival.

Piaciuto l'articolo? Fallo conoscere a tutti:

  • Facebook
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Print
  • Twitter
  • Yahoo! Buzz
  • Digg
  • StumbleUpon

Potrebbe piacerti anche Altri autori

E tu che ne pensi?

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Giudizio Generale:
This site uses cookies. Find out more about this site’s cookies.