Animali

I gatti siamesi (animali)

L’origine esatta di questa razza sono sconosciute, ma si crede essere del sud-est asiatico. In Thailandia, dove sono una delle numerose razze autoctone, sono chiamati Wichien Maat, un nome che significa “punta di diamante della luna”. Secondo alcune fonti non confermate, la razza è stata portata fuori dall’asia per la prima volta nel 1884, quando il console generale britannico a Bangkok, Edward Blencowe Gould, ha portato un paio di gatti in Gran Bretagna come dono per sua sorella. Le caratteristiche principali della razza, come i loro discendenti della Thailandia, sono le medie dimensioni, il corpo piuttosto lungo e muscoloso, una grazia innata, la testa leggermente a forma di cuneo e le orecchie relativamente grandi, ma in proporzione alle dimensioni della testa. Successivamente fu definito lo standard di razza gettando le basi per il moderno siamese. Tali standard definiscono il siamese con un corpo delicato, lungo e snello, una testa lunga a cono in linea con le orecchie e un muso stretto, orecchie grandi e dritte, larghe alla base e la coda lunga e affusolata. Come risultato di generazioni di allevamento selettivo, si sono creati gatti sempre più lunghi, fini di ossatura e stretti alla testa. Al giorno d’oggi si è arrivati ad avere il siamese con il corpo estremamente allungato e magro, quasi dei tubi con gambe lunghe e sottili, coda molto lunga che si assottiglia gradualmente in punta, le teste a forma di cuneo sormontato da orecchie di dimensioni molto grandi. Gli occhi sono a mandorla e obliqui. Ha un collo lungo, il pelo è corto, lucido, sottile, morbido e ben aderente al corpo. Il Siamese è caratterizzato da un tipico schema colore. Lo standard osservato è una forma di albinismo parziale, derivante da una mutazione della tirosinasi, un enzima coinvolto nella produzione di melanina. L’enzima mutato è sensibile al calore. Essa non riesce a funzionare a temperature normali del corpo, ma diventa attiva in zone più fresche della pelle. Ciò si traduce in una colorazione scura in più parti del corpo del gatto, tra cui le estremità e il volto, che è raffreddato dal passaggio dell’aria attraverso i seni paranasali. Tutti i gattini siamesi sono color crema o bianco puro alla nascita ma sviluppano in punti visibili il colore scuro nei primi mesi di vita nelle parti più fredde del loro corpo. Molti gatti siamesi della Thailandia avevano in origine una anomalia della coda, che a volte appariva storta. Questo tratto è stato considerato un difetto e gli allevatori tramite selezione lo hanno eliminato, anche se persiste tra i gatti di strada in Thailandia. Altra anomalia tipica del siamese è lo strabismo, che è prodotto dall’allele dell’albinismo stesso che produce il pelo colorato. Come le code piegate, gli occhi incrociati con l’allevamento selettivo sono molto meno comuni oggi. I siamesi sono estremamente vocali, con un miagolio che è stato paragonato alle grida di un bambino umano persistente nel chiedere attenzione. Questi gatti sono in genere attivi e giocosi, anche da adulti, e sono spesso descritti più come i cani nel comportamento rispetto alle altre razze di gatti.

Tags

Recensioni e Opinioni

Benvenuti su Opinione Personale. Il nostro è un sito di opinioni e recensioni che consente a tutti i littori di trovare i migliori prodotti da acquistare online al miglior prezzo.
Close