Recensioni Banche

ingdirect Conto Arancio (banca)

Il Conto deposito supera la quota 1, 2 milioni di clienti. Un gran bel risultato a dieci anni dall’ingresso di Ing direct sul mercato bancario italiano. Tutto grazie alle caratteristiche tecnologiche innovative del prodotto, abbinate all’alta redditività garantita. Oltre al target individuato (i risparmiatori più particolarmente prudenti) e alle garanzie di tutela dl risparmio offerte. Lo sbarco di Ing direct risale al 2001. Approda nel belpaese, anticipata da una martellante campagna pubblicitaria sui media, piazzando un contro di deposito nel mercato dei prodotti di risparmio. Il conto si chiama “Conto arancio” e non tarda a fare breccia tra i risparmiatori italiani. Tra le immagini che restano fisse nella mente dei telespettatori c’è quella della zucca color arancio, l’obiettivo è proprio quello di coniugare la semplicità alla novità della prima banca on line in Italia. Se in Europa e nel mondo il conto di deposito godeva di fama indiscussa, in Italia si trattava di un’assoluta novità. L’attrattiva consiste soprattutto nell’azione sui conti. Sono tanti i titolari di conti bancari che lasciano i propri risparmi a giacere inattivi, limitandosi a godere di rendimenti minimi, quando non inesistenti. Conto Arancio cambia e si rivolge alla categoria dei correntisti più prudenti, promettendo rapidi guadagni col minimo rischio. E il tutto sul web che proprio in quegli anni dirompe nelle famiglie italiane. Il funzionamento è semplice: Conto Arancio ha il sostegno di un conto aperto in precedenza in un altro istituto di credito, il quale provvede a rimpinguarlo in esclusiva, attraverso assegni e bonifici bancari. Possibile intervenire attraverso il telefono oppure il web. Ecco le caratteristiche che hanno reso fortunato Conto Arancio in Italia: il primo è la competitività del tasso di interesse. La quota del 2, 60 % confrontata ad analoghi dispositivi bancari viene reputata dagli esperti tra le migliori in circolazione. Altra caratteristica vincente è quella della mancanza di spese. Tassa sul bollo non ce n’è. E non si pagano neppure l’avviamento, i passaggi di denaro, i costi di governo del conto e la conclusione del conto stesso. Altra novità è l’assenza di soglia minima. Basta anche un euro e perfino meno, per aprire il conto: il tetto invece è fissato a milione e 500 mila euro. Spostare i soldi è possibile in qualsiasi momento della giornata e tutto avviene nell’arco di 48 ore (è sufficiente telefonare al numero verde o collegarsi sul sito “Conto arancio”). Ci sono poi gli interessi computati sulle 24 ore e accreditati l’ultimo giorno dell’anno, mentre le credenziali di sicurezza sono offerte dal fatto che i due conti appartengono alla stessa persona. insomma: innovazione e garanzie per i piccoli risparmiatori sono gli ingredienti del successo del conto della zucca.

Tags

Recensioni e Opinioni

Benvenuti su Opinione Personale. Il nostro è un sito di opinioni e recensioni che consente a tutti i littori di trovare i migliori prodotti da acquistare online al miglior prezzo.
Close